menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei fotogrammi usati dalla polizia. Nel cerchio, l'uomo mentre si allontana correndo.

Uno dei fotogrammi usati dalla polizia. Nel cerchio, l'uomo mentre si allontana correndo.

Rapinò le Poste con la pistola coperta da un quotidiano: condannato

Il verdetto emesso nei riguardi di un 41enne di Tricase per il colpo eseguito nell’ufficio postale Lecce 2 nel febbraio del 2017

LECCE- Entrò con una pistola coperta da un quotidiano nell’ufficio postale “Lecce 2”, presso la stazione ferroviaria, riuscendo così ad appropriarsi della somma di 2mila e 400 euro. Questa la vicenda, avvenuta il 13 febbraio 2017, che vedeva imputato Vincenzo Piccinni, 41 anni, originario di Roma ma residente a Tricase, nel processo che si è celebrato ieri col rito abbreviato.

Il gup (giudice per l’udienza preliminare) Cinzia Vergine, gli ha inflitto 4 anni e 4 mesi (più multa di 1.200 euro), riconoscendo la continuazione (così come aveva richiesto l’avvocato difensore Luigi Piccinni) ai tre anni già patteggiati per altri due colpi sempre ai danni di sportelli postali, uno a Lucugnano (frazione di Tricase), l’altro a San Cassiano.

Immagine-37_2-2Proprio in seguito a queste due rapine, eseguite due giorni dopo quella nel capoluogo salentino, Piccini finì ai domiciliari e, cinque mesi dopo, in carcere su ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice Alcide Maritati, richiesta del pubblico ministero Roberta Licci che aveva condotto le indagini sulla rapina alla “Lecce 2” con gli agenti della squadra mobile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento