rotate-mobile
Cronaca Melpignano

Interventi sanitari al Concertone: nel 2023 soccorsi in 91, ma dimezzato il numero degli ubriachi

Questo il bilancio dei soccorsi effettuati dalla postazione medica avanzata , gestita del Servizio di emergenza urgenza 118 della Asl Lecce e dalla Croce Rossa Italiana durante la Notte della Taranta

MELPIGNANO – Novantuno soccorsi. Questo il bilancio dei soccorsi effettuati dalla postazione medica avanzata, gestita del Servizio di emergenza urgenza 118 della Asl Lecce e dalla Croce Rossa Italiana - e allestita nell’area del concertone della Notte della Taranta del 26 agosto a Melpignano.

Numeri in calo, rispetto a quelli dell’edizione dello scorso anno, soprattutto negli interventi per abuso di alcol e sostanze psicotrope: tra i 91 soccorsi prestati dal pomeriggio del sabato fino all’alba di domenica, infatti, 18 sono attribuibili a ebrezza alcoolica. Nell'edizione del 2022 gli interventi per soccorrere gli ubriachi erano stati 35, praticamente il doppio.

Ulteriori 10 sono i soccorsi prestati a feriti, tre a disturbi gastroenterologici, 19 a disturbi cardiovascolari, 7 a disturbi respiratori, 20 a reazioni allergiche e 14 ad assunzioni di cannabinoidi. In un solo caso si è reso necessario il ricovero in ospedale.

NDT23 1

Nella macchina organizzativa sono stati impegnati 5 infermieri, due medici, compreso il direttore del Dipartimento di emergenza urgenza Maurizio Scardia, assieme a Nicola D’Angelo, un oss e tre autisti.  Agli operatori, che hanno ricevuto la visita dell’assessore alla Salute della Regione Puglia Rocco Palese, il ringraziamento del direttore generale Stefano Rossi: “Ringrazio tutti gli operatori coinvolti, a vario titolo, nella riuscita dell’evento. Un evento di grande impatto anche in termini di organizzazione di assistenza sanitaria che, grazie all’esperienza, alla sinergia con le Forze dell’Ordine e con la Croce Rossa, intervenuta con il prezioso apporto del Corpo militare Cri e con la fondazione, riesce ogni anno a far fronte alle esigenze e alle necessità di un pubblico vasto ed eterogeneo, per contribuire così al successo dell’evento. L’occasione è utile per rivolgere un grazie a tutti i nostri operatori che, nella Notte della Taranta, come in tutti gli altri eventi dell’estate salentina, hanno messo a disposizione competenze e dedizione per portare un pezzo di sanità pubblica in eventi ludici e culturali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interventi sanitari al Concertone: nel 2023 soccorsi in 91, ma dimezzato il numero degli ubriachi

LeccePrima è in caricamento