menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il mercantile bloccato a Dakar (Dalla pagina Facebokk del giovane leveranese)

Il mercantile bloccato a Dakar (Dalla pagina Facebokk del giovane leveranese)

Droga sul mercantile a Dakar: salentino trattenuto da mesi senza motivo

Un 20enne, allievo ufficiale di Leverano, fermo nel porto senegalese per un ritrovamento di cocaina al quale l’equipaggio è però estraneo La Regione scrive alla Farnesina

LEVERANO - Anche un giovane salentino nell’equipaggio trattenuto, per lungaggini giudiziarie, a Dakar da mesi: il presidente del Consiglio regionale di Puglia, Mario Loizzo, invoca l’intervento del premier Giuseppe Conte e del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio per richiedere il rientro immediato dei marittimi. Matteo Muci, 20enne leveranese, è uno dei malcapitati protagonisti di questa sventura cominicata nei mesi scorsi.

Il team di un mercantile italiano è infatti trattenuto, senza aver commesso alcun reato, nel porto della capitale senegalese. Il 20enne salentino, giovane allievo ufficiale di coperta, è al suo primo imbarco per una borsa di studio per meriti scolastici. Il cargo “Ro-Ro Grande Nigeria”, del Gruppo Grimaldi, è fermo dal giugno 2019. Il rinvenimento da parte delle autorità portuali senegalesi di un ingente carico di cocaina, all'interno di autovetture sigillate e destinate in Brasile, ha provocato l'arresto e la detenzione per mesi del comandante e del primo ufficiale, col sequestro della nave e il relativo stato di fermo del personale sul mercantile.
Nei primi giorni del 2020, il rilascio e il consenso al rimpatrio degli arrestati ha indotto la compagnia ad avvicendare l'intero equipaggio, con ufficiali e marittimi inviati in sostituzione di quelli a lungo trattenuti. Tra cui il 20enne. Ma un ulteriore ritrovamento di stupefacente (all'interno di borse sospette) e comunque denunciato dal comandante, ha comportato il ritiro dei passaporti dei marittimi, costretti da quel momento ad una detenzione, ma senza alcuna imputazione. “La sua ‘innocenza’ – fa presente Loizzo - rafforza la mia richiesta e l'urgenza della soluzione di una situazione incresciosa, che tiene in apprensione tante famiglie”. In una nota inviata a Palazzo Chigi e alla Farnesina, il presidente del Consiglio regionale ha riassunto la vicenda. “In relazione a un episodio che coinvolge nostri connazionali all'estero - scrive Loizzo - sono a chiedere il determinato e risolutivo intervento del ministero competente e, ove si ritenga, del Governo italiano, per il più sollecito rientro dell'incolpevole equipaggio del mercantile”, conclude.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento