Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Sant'Isidoro, tragedia davanti ai bagnanti attoniti: annega un 60enne

Giovanni Morelli, di 60 anni, originario di Copertino, ma ospite di un centro per anziani di Magliano, frazione di Carmiano, si trovava questa mattina nella marina di Nardò. All'improvviso, forse colto da malore, ha iniziato ad annaspare e non è riuscito a fare rientro

I carabinieri e la guardia costiera sul posto in mezzo a centinaia di bagnanti.

SANT’ISIDORO – Una tragedia s’è consumata nella tarda mattina di oggi sulla spiaggia libera di Sant’Isidoro, la marina di Nardò quasi che sorge quasi al confine con Porto Cesareo. Un uomo originario di Copertino, Giovanni Morelli, di 60 anni, ma ospite di un centro per anziani di Magliano, frazione di Carmiano, è stato colto da un improvviso malore poco dopo essere entrato in acqua.

Morelli, che non era sposato, aveva raggiunto la località con altre persone, per una mattinata di refrigerio in riva alle acque dello Ionio. Tutto è accaduto davanti agli occhi di centinaia di bagnanti attoniti, che avevano affollato fin dalle prime ore la spiaggia libera nel tratto accanto agli stabilimenti balneari di una delle marine più note del Salento.

Purtroppo, però, all’improvviso, poco dopo essere entrato in acqua, l'uomo ha iniziato ad annaspare e non è stato più in grado di rientrare. Forse colto da un malore, Morelli è morto annegato. Inutilmente è stato riportato a riva da chi si è prodigato in un primo soccorsi, per poi affidarlo al personale sanitario del 118, giunto da Copertino. I tentativi di rianimazione, però, sono risultati vani. 

Sul posto si sono recati anche i militari della guardia costiera dipendenti dalla compagnia di Gallipoli e i carabinieri della stazione di Nardò. La salma, dopo la prima ispezione, è stata già riconsegnata alla famiglia su diposizione del pm di turno, Emilio Arnesano.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Isidoro, tragedia davanti ai bagnanti attoniti: annega un 60enne

LeccePrima è in caricamento