Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Save Salento tuona: "Giù le mani da Porto Miggiano"

L'associazione radicale ha deciso di diffidare il Comune di Santa Cesarea dal rilasciare permessi di costruzione nel comparto 13 e chiede la collaborazione di tutti gli ambientalisti salentini

d-10

SANTA CESAREA TERME - Gli ambientalisti annunciano battaglia contro il Comune di Santa Cesarea Terme e contro il rilascio da parte di quest'ultimo di eventuali permessi di costruzione nell'area del famoso comparto 13, lo stesso su cui il Tar di Lecce si espresso favorevolmente lo scorso aprile (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=26858). È l'associazione "Save Salento" a diffidare gli amministratori da ogni "ragion di cemento", per salvaguardare il territorio di Porto Miggiano.

Non usano mezzi termini gli ambientalisti che, in una nota, chiariscono: "Una sola preoccupazione. Lottizzare, spartire, cementificare, costruire. È questo l'unico modo che conoscono per muovere l'economia. Consumare suolo, inghiottire territorio, finché ce n'è, e così, poco alla volta ma instancabilmente e inesorabilmente, perdiamo letteralmente pezzi. Pezzi di ambiente, pezzi di paesaggio, pezzi di memoria, pezzi di noi stessi. Quando si fermeranno? Si fermeranno solo quando avranno occupato tutto e le vedute panoramiche non si specchieranno più nei panorami ma in altre vedute di cemento panoramico".

"Questo - chiariscono - è il modello turistico che vogliono alimentare, questo è il solito modello di sviluppo che hanno in mente, anche a Santa Cesarea Terme. Un modello di distruzione e occupazione delle coste che nelle sensibilità e nella coscienza dei salentini e dei pugliesi è morto negli anni Settanta".

"L'intensa macchia mediterranea - proseguono - con presenza di bosco ed essenze arboree di eccezionale importanza, cresciuta sul ciglio di scarpata della litoranea salentina per Castro sopra Porto Miggiano, il cosiddetto 'Comparto 13' del piano regolatore di Santa Cesarea Terme, rischia di scomparire dopo la recente sentenza del Tar che ha accolto il ricorso dei lottizzanti contro un decreto suicida della Sovrintendenza per i Beni ambientali e culturali di Lecce che, nell'annullare l'autorizzazione paesaggistica a costruire, aveva citato un decreto ministeriale relativo al territorio di Castrignano del Capo, invece del decreto che tutela il territorio di Santa Cesarea. Riconosciuto l'errore materiale, il Tribunale aveva concesso di correggerlo, ma il sovrintendente ha lasciato passare il termine previsto dalla legge per la espressione corretta del parere".

Da Save Salento sottolineano come questo comportamento sia stato oggetto di un'interrogazione al ministro dei Beni culturali Galan da parte della deputata radicale Elisabetta Zamparutti; e si evidenzia come anche la Regione Puglia non abbia brillato "per coerenza di comportamento", prima concedendo il nulla-osta idrogeologico, dopo revocandolo e, infine, in corso di processo dinanzi al Tar, ritirando la revoca facendo quindi rivivere il primo e favorevole parere.

"Comunque - affermano -, il piano di lottizzazione del 'Comparto 13', adottato nel 1984, a tutt'oggi non è stato mai attuato e appare ormai superato. La legge nazionale stabilisce che la validità di un piano e la sua convenzione durano dieci anni, dopo di che l'amministrazione comunale si riappropria del diritto di riprogrammare il proprio assetto urbanistico. D'altra parte, la Regione Puglia può ancora far valere i vincoli del suo Piano Urbanistico Territoriale Tematico-Paesaggio che disciplina proprio i nuovi processi di trasformazione del territorio con specifica considerazione dei valori paesistici e ambientali".

Per tali motivi, l'associazione radicale Save Salento ha depositato in questo giorni una diffida al rilascio dei permessi di costruzione, presso il 4° settore Assetto e Tutela del Territorio del Comune di Santa Cesarea Terme, per "fermare questa follia", per "impedire che un modello di sviluppo vecchio e soprattutto incompatibile con le attuali strategie di crescita economica e territoriale tese alla valorizzazione delle nostre coste e dei nostri valori ambientali e paesaggistici venga realizzato a quasi trent'anni di distanza".


Save Salento lancia inoltre un appello a tutte le associazioni affinché si uniscano in questa delicata battaglia, affinché Santa Cesarea divenga il "momento simbolico" in cui il Salento possa chiudere definitivamente con "certi retaggi del passato".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Save Salento tuona: "Giù le mani da Porto Miggiano"

LeccePrima è in caricamento