Il caso di Santa Cesarea: straniero positivo al Covid si allontana dal centro

Due pachistani fra gli sbarcati dell'11 luglio scorso ricercati. Uno di loro asintomatico, ma con coronavirus. Tamponi per le forze dell'ordine e presa di posizione del Sap per maggior tutela

Lo sbarco dell'11 luglio.

LECCE – Due migranti pachistani, fra cui un 31enne, risultato positivo al Covid-19 (seppur asintomatico), si sono allontanati volontariamente nelle ultime ore da un centro di accoglienza allestito presso un agriturismo di Santa Cesarea Terme e sono ora ricercati da polizia e carabinieri. La notizia è un'anteprima di LeccePrima. 

La vicenda che preoccupa di più, ovviamente, è quella riguardante il 31enne positivo, risultato tale dopo i tamponi effettuati in seguito all’ultimo sbarco avvenuto sulle coste salentine, quello dell’11 luglio scorso, a San Cataldo, marina di Lecce, conclusosi peraltro con l’arresto di tre turchi, ritenuti gli scafisti (trentasei erano stati i fermati). Solo la sera prima, oltretutto, a Santa Maria di Leuca, si era verificato un primo sbarco di migranti, una ventina circa. Segno evidente di una ripresa delle attività clandestine, con coste turche e greche come punti privilegiati di partenza.

Nonostante il controllo delle forze dell’ordine, con passaggi nelle vicinanze, la struttura di Santa Cesarea Terme selezionata dalla prefettura è aperta (i migranti, chiaramente, non sono agli arresti, sebbene siano tenuti a rispettare la quarantena), ragion per cui, in qualche modo, i due sono riusciti ad allontanarsi e a far perdere le tracce.

Il Dipartimento di prevenzione dell’Asl di Lecce, intanto, sta effettuando tamponi a tutte le forze dell’ordine intervenute e, quindi, venute a contatto con i migranti, le quali, in ogni caso, in occasione dell'intervento, erano dotate di dispositivi personali. Va però ricordato che il numero di personale coinvolto non è basso, considerando agenti delle volanti di polizia, carabinieri, pool antimmigrazione (squadra interforze che contempla anche elementi della guardia di finanza), gli stessi operatori sanitari. E, intanto, sono stati avvisati tutti i punti di frontiera. Da considerare che, secondo fonti convergenti, per ragioni riguardanti la statistica su Paesi dove il Covid-19 è più presente, i primi due tamponi erano stati effettuati immediatamente per un paio di cittadini del Bangladesh, risultati però negativi. Gli altri, sono sarebbero stati eseguiti in seguito.  

Il Sap sugli scudi: "Tamponi per tutti"

Proprio oggi, una nota del Sap (Sindacato autonomo di polizia, a firma di uno dei segretari nazionali, Francesco Pulli e del referente provinciale di Lecce, Carlo Giannini, ha rilanciato il problema derivante dai cittadini extracomunitari transitati dai porti e dai centri di prima accoglienza pugliesi, con una situazione che potrebbe mettere a rischio di contagio chi è impegnato nel controllo del territorio e soprattutto sul fronte dell’accoglienza.

Secondo le valutazioni dei referenti sindacali, l’arrivo sulle coste italiane delle imbarcazioni trasportanti cittadini stranieri diretti verso le province di Lecce, Brindisi e Taranto, sta diventando un rischio, visto che  nei centri di Taranto, Brindisi e Otranto (dal “Don Tonino Bello” si verifica il primo passaggio, da sempre, Ndr) si è registrata la presenza di stranieri positivi al nuovo ceppo di coronavirus.

“Chiediamo con forza a tutte le istituzioni, dai prefetti, ai questori, agli enti locali, di attivarsi per la tutela del personale delle forze di polizia - scrivono i segretari del Sap - adottando tutti i protocolli necessari con i dispostivi generali e individuali idonei per prevenire il contagio della pandemia tra i dipendenti delle forze di polizia e i loro famigliari”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Bisogna sottoporre tutti i dipendenti delle forze di polizia che sono stati in contatto con queste persone, ai tamponi e altre analisi che rilevano il principio della pandemia. Spesso questi stranieri - concludono Pulli e Giannini - come registrato in altre realtà si allontanano dai rispettivi centri e potrebbero creare una seria preoccupazione per tutti i cittadini l’eventuale trasmissione del virus”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • La collisione, la caduta e la barca che affonda. “Sentivo il risucchio dell’elica”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento