Cronaca

Ricorso del secondo classificato in graduatoria per incarico addetto stampa: Tar dà ragione a Unione Comuni

La sentenza del Tribunale amministrativo regionale ha rigettato il ricorso dell’aspirante addetto stampa e ha reputato legittimo e corretto l’operato della commissione valutatrice

Il Tar di Lecce.

ANDRANO – Il Tar dà ragione alle amministrazioni di Andrano, Spongano e Diso: l’individuazione dell’addetto stampa dei Comuni si è rivelata corretta. Lo ha stabilito il Tar di Lecce, con una sentenza emessa oggi e con la quale ha respinto il ricorso presentato dal secondo classificato nella graduatoria stilata dalla commissione esaminatrice per la selezione del vincitore.

Lo scorso maggio, infatti, il candidato secondo classificato aveva chiesto l’annullamento, previa adozione di misure cautelari, della determina di approvazione della graduatoria nell’ambito della procedura di conferimento di incarico di coordinamento - in forma associata - delle funzioni di ufficio stampa dell’Unione dei Comuni di Andrano, Spongano e Diso.

Nello specifico, il ricorrente aveva contestato l’operato della commissione nella valutazione dei titoli e dei profili professionali del primo classificato. Le tesi formulate dal ricorrente sono state smentite nel merito dal Tribunale amministrativo leccese che ha rigettato il proposto ricorso e accolto le tesi difensive dell’avvocato Antonio Aventaggiato, legale dell’Unione dei Comuni di Andrano, Spongano e Diso. L’operato della commissione, in conformità ai canoni della buona e corretta amministrazione è stato ritenuto dunque legittimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricorso del secondo classificato in graduatoria per incarico addetto stampa: Tar dà ragione a Unione Comuni

LeccePrima è in caricamento