Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Torna in aula il caso della sexy prof: "Con quel video, mi hanno distrutto la vita"

Dopo lo scandalo a "luci rosse" che la travolse con la diffusione di un video in cui veniva palpeggiata da studenti, una donna di 45 anni ha perso il lavoro di insegnante. Oggi, come parte lesa, ha raccontato la sua versione

LECCE – Continua a riempire le aule di giustizia il controverso caso della professoressa di matematica di 45 anni, originaria di Monteroni, sospesa dopo essere stata travolta da uno scandalo a luci rosse per la pubblicazione su “Youtube” di un filmato (che faceva riferimento al febbraio del 2006) in cui la donna si lasciava accarezzare e palpeggiare da alcuni suoi giovani alunni durante le ore di lezione. 

Oggi, infatti, innanzi al giudice monocratico della prima sezione penale del Tribunale di Lecce, è comparsa la stessa donna, parte offesa nel processo che vede come imputato Gerardo Gabriel Gonzales, un ex giocatore di basket di origini argentine, accusato di aver immesso in rete un video che la ritraeva mentre in classe veniva palpeggiata sul sedere. Secondo l’accusa l'uomo avrebbe messo il video a disposizione di tutti gli utenti della rete internet, divulgandolo illecitamente, violandone la privacy e la riservatezza sessuale, e danneggiandola sotto il profilo morale e professionale.
 
La 45enne, tra le lacrime, ha ripercorso la sua vicenda, spiegando di essere stata vittima del branco, riferendosi ai suoi ex studenti, che si sarebbero coalizzati contro di lei. Al giudice ha poi spiegato di aver perso tutto dopo lo scandalo che l’ha travolta e che le ha, irrimediabilmente cambiato la vita. Dopo lo scandalo che l’ha travolta la “sexy prof” non è tornata a insegnare. Il collegio della sezione lavoro del Tribunale di Lecce, infatti, presieduto dal giudice Mario Benfatto, ha rigettato, nel maggio 2011, il ricorso presentato dal legale della donna, contro il provvedimento con cui il provveditorato la sospendeva dai ruoli d'insegnamento. Il provveditorato aveva già in passato sospeso la professoressa, ma fu ritirato, in seguito alla conciliazione davanti all'ufficio provinciale del lavoro. 
 
Il nuovo provvedimento di sospensione, secondo cui l'ufficio scolastico provinciale l'ha sospesa dall'insegnamento impedendole di poter ricoprire ruoli di supplenza in tutti gli istituti scolastici pugliesi, fu emesso dopo la condanna (a seguito di patteggiamento) della 45enne di Monteroni a due anni di reclusione per l'accusa di atti sessuali con minorenni.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna in aula il caso della sexy prof: "Con quel video, mi hanno distrutto la vita"

LeccePrima è in caricamento