Cronaca

Surbo: a fuoco l'auto dell'ex presidente del Consiglio

Ignoti nella notte hanno appiccato le fiamme alla Focus di Vincenzo Cagnazzo. Sul posto i vigili del fuoco da Lecce ed i carabinieri per le indagini. Alcuni giorni fa le pistolettate alla municipale

Un misterioso attentato incendiario è stato compiuto poco prima dell'alba a Surbo. Ignoti, usando molto probabilmente del liquido infiammabile, hanno tentato di distruggere l'auto di Vincenzo Cagnazzo, ex presidente del Consiglio comunale della Giunta Cirio, caduta circa un mese fa. Cagnazzo aveva rivestito quella carica a partire dall'agosto del 2007. I vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce sono riusciti ad arrivare in tempo nei pressi dell'abitazione di Cagnazzo, e ad impedire che le fiamme si propagassero anche alle case e ad altre auto. Lo stesso veicolo, una Ford Focus, è stato in parte salvato: le fiamme hanno infatti attecchito solo sulla parte posteriore.

I carabinieri della compagnia di Lecce, che indagano sull'episodio, non hanno dubbi sul fatto che l'incendio sia di matrice dolosa. E stanno cercando di comprendere se questo episodio, avvenuto intorno alle 4 del mattino, sia da collegarsi ad un altro recente fatto, anche questo piuttosto inquietante. Nella notte tra il 17 ed il 18 febbraio, alcune persone rimaste ancora ignote, hanno indirizzato cinque colpi di pistola contro il portone della sede della polizia municipale locale (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=6364), nel pieno centro storico di Surbo. In quell'occasione, sul posto, i militari hanno recuperato i bossoli, per analizzarli e cercare qualche traccia. E la domanda, mai come in questo caso, viene spontanea: vi è un collegamento tra i due fatti? E se sì, qual è il legame che li avvolge?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Surbo: a fuoco l'auto dell'ex presidente del Consiglio

LeccePrima è in caricamento