Tentata estorsione poi sfociata in un agguato, sei le condanne inflitte

Le pene comminate dai giudici nel processo sulla tentata estorsione a un imprenditore e il tentato omicidio di Gianni Calignano

LECCE – Sono sei le condanne inflitte nel processo sulla tentata estorsione a un imprenditore e sul tentato omicidio di Gianni Calignano. Il pubblico ministero ha chiesto 4 anni per Rocco Falsaperla, 44 anni; 6 per Angelo Caci, 48 anni (entrambi originari di Gela); 17 per Francesco Russo, 65 anni, di Nardò; 4 per il figlio Giampiero, 28 anni; per Giuseppe Calignano, 28 anni di Nardò; e 2 per Evilys Pimentel Roque, 44enne di origini cubane residente a Villa Convento. Angelo Caci, per cui l’accusa ha chiesto 30 anni è stato assolto dall’accusa di tentato omicidio con l’aggravante del metodo mafioso, quest’ultima è caduta anche per Russo (per lui chiesti 24 anni). Ridimensionate anche le altre pene.

Caci, Falsaperla, i Russo e Calignano, tutti accusati di tentata estorsione, nelle giornate del 14 e 16 maggio 2016, avrebbero messo in atto un violento tentativo di estorsione ai danni di un commerciante di Nardò. La vittima avrebbe pagato a caro prezzo la presunta intromissione nella vicenda e il tentativo di “protezione” nei confronti dell’imprenditore. Francesco Russo, in concorso con Angelo Caci, in pieno centro e di giorno, avrebbe esploso un colpo di arma da fuoco colpendo la vittima al torace. I due sono accusati di tentato omicidio, mentre la donna di origine cubane è accusata di favoreggiamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’inchiesta, assai complessa sotto il profilo investigativo, si è sviluppata in più momenti, attraverso una serie di ordinanze di custodia cautelare eseguite dai carabinieri del comando provinciale di Lecce che, tassello dopo tassello, hanno ricostruito un puzzle fatto di presunte estorsioni sfociate nel sangue. Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Giuseppe Corleto, Luigi Corvaglia, Tommaso Valente, Francesca Conte e Davide Vitali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento