menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il distributore colpito nella notte

Il distributore colpito nella notte

Notte sfortunata per la banda dell’Alfa: tenta due furti in dieci minuti e fugge a mani vuote

I malviventi hanno provato a colpire dapprima una tabaccheria di Pisignano, poi la caffetteria dell'area di servizio "Ip" di Vernole. In entrambi i casi il sistema di allarme li ha messi in fuga, facendo sopraggiungere le guardie giurate. Indagano i carabinieri

VERNOLE – La banda dell’Alfa 147 torna in azione. E anche la scorsa notte ha fatto rientro a mani vuote, dopo aver provato a mettere a segno due colpi nel giro di dieci minuti. Il primo, intorno all’una e 35, è stato tentato ai danni della tabaccheria di via Lecce a Pisignano, la frazione di Vernole. In quattro, tutti con i volti travisati, e immortalati dalle videocamere, hanno cercato di manomettere la saracinesca della rivendita. Ma l’antifurto, collegato con la sala operativa dell’istituto di vigilanza “AlmaRoma” si è attivato immediatamente, richiamando sul posto le guardie giurate.  I vigilanti hanno scorto quell’Alfa 147 di colore nero, riuscita a dileguarsi seppur a mani vuote.

Ma non è finita qui. Esattamente dieci minuti più tardi, la banda ha anche raggiunto l’area di servizio “Ip”, alla periferia di Vernole, dove la scena si è ripetuta. Tale e quale. L’auto, di colore nero, e con i quattro individui a bordo, ha raggiunto la stazione di rifornimento, per poi danneggiare uno degli infissi. Senza riuscire ad accedere: il sistema di allarme è scattato subito, e la banda si è dileguata.IMG_6435-3

Sul posto, oltre al personale dell’agenzia di sicurezza, sono poi intervenuti anche i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce, per eseguire un sopralluogo attorno alle due attività commerciali colpite, e recuperare i filmati dai sistemi di videosorveglianza. Non si esclude che ad agire siano stati gli stessi malviventi che, 24 ore prima, avevano anche provato a colpire una farmacia di Squinzano: anche in quell’episodio ad agire sarebbe stata la banda dell’Alfa Romeo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento