Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Terremoto in Emilia. Le voci dei salentini dalle zone che hanno tremato

La Provincia annuncia la disponibilità immediata di protezione civile e volontari. La scossa più forte, questa mattina, è stata di magnitudo 5,8 tra Carpi, Medolla e Mirandola. Paura per molti salentini residenti al Nord

Crolli a Medolla (@TM News/Infophoto)

LECCE - Lo sciame sismico ha colpito, nuovamente, e in maniera violenta i territori già martoriati nella notte tra il 19 e il 20: l'epicentro è ancora una volta nel modenese, precisamente a Medolla. Due le scosse più forti che hanno gettato nel panico le popolazioni colpite duramente dieci giorni addietro: la prima alle 9 di magnitudo 5.8, la seconda, leggermente meno forte (5.3) ma lunga un'eternità secondo quanto raccontato dai testimoni, pochi minuti prima delle 13. Il bollettino delle vittime è ancora provvisorio, al momento si contano quindici morti, tra cui il parroco della chiesa di Santa Caterina a Rovereto colpito dal crollo di calcinacci mentre stava effettuando un sopralluogo con un vigile nel tentativo di recuperare una statua della Vergine. Sono impressionanti le cifre della tragedia odierna: oltre alle vittime accertate, ci sono almeno sette dispersi e duecento feriti mentre il numero degli sfollati è salito dai seimila del primo terremoto ai quattordicimila complessivi dopo la terribile mattinata odierna.

"La scossa di oggi è stata molto più sussultoria rispetto a quella del 20 maggio, i mobili si sono spostati e ci siamo precipitati fuori di casa. Nel parco abbiamo vissuto la seconda, fortissima, una scena terribile", ha detto Alessandra Luperto, studentessa leccese della Facoltà di Farmacia, raggiunta telefonicamente nel Parco Ducale di Modena, nei pressi dell'accademia militare, dove si trova insieme a centinaia di altre persone che, spaventate, hanno lasciato la propria abitazione. Il terremoto è stato avvertito in tutta la sua forza anche a Bologna, dove le scuole sono state evacuate, ma anche a Forlì, a Firenze e a Pisa dove è stato chiuso lo storico Palazzo della Sapienza, sede della Facoltà di Giurisprudenza e meta quotidiana di decine di salentini iscritti nell'ateneo pisano. 

Il sisma ha allarmato anche i milanesi, e la eco delle scosse è arrivata fino al Piemonte e al Veneto. Giuseppe Ariano lavora come rappresentante di una casa editrice e ha risposto alla chiamata di LeccePrima da un istituto scolastico di Triuggio, in Brianza, sgomberato in fretta e furia: "Non ti rendi conto di cosa sia un terremoto finché non lo vivi: mentre stavo lavorando in azienda, la sedia oscillava da una parte all'altra così come una porta di ferro, di circa tre metri. Il rumore del terremoto è una cosa terribile, è come quando si sente arrivare da lontano l'onda del mare, ma in quel caso sai che non ti può colpire".

Naturalmente c'è chi, potendolo fare, sta pensando di rientrare temporaneamente nel Salento: la terra continua a tremare e l'ansia dovuta a dieci giorni di scosse ininiterrotte non lascia dormire nè vivere con un briciolo di serenità. fotorobertoferrari_modenatoday-3

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

INVIA UN SMS PER AIUTARE I TERREMOTATI

Dal Salento solidarietà della Provincia: volontari e protezione civile a disposizione.

Il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, ha diffuso un comunicato stampa: "In questo momento di ennesimo e straordinario dolore per il nostro Paese, il Salento si stringe attorno alle popolazioni dell'Emilia Romagna e del Nord Italia che hanno perso affetti, parenti, attivita' economiche e abitazioni nel tragico terremoto di questa mattina".
 
"La Provincia di Lecce, vicina ai territori colpiti, è a disposizione del Paese e dell'Emilia Romagna laddove dovessero essere richiesti ogni genere di aiuto nei soccorsi. Volontari e protezione civile della Provincia di Lecce sono a disposizione di questa grave emergenza nazionale".
 
La proposta da Lecce: fondo di solidarietà con idennità di assessori e consiglieri.
 
Un conto del Comune di Lecce per la raccolta fondi in favore delle popolazioni colpite. Lo chiede Carlo Salvemini al sindaco Paolo Perrone, invitando nel contempo tutta la città a partecipare alla mobilitazione: "Di fronte al dramma che ha colpito tanti comuni dell'Emilia Romagna c'è il dovere di attivare la rete della solidarietà. Quella silenziosa, che opera senza clamori ma offre aiuti preziosi ai nostri connazionali che vivono momenti di dolore e difficoltà: chi ha perduto parenti; chi ha visto crollare la propria abitazione o azienda; chi non ha più una scuola dove studiare".
 
Il capogruppo di Lecce Bene Comune chiede anche che il primo contributo sia proprio quello dell'amministrazione, attingendo alle indennità previste per il prossimo mese (quello dell'insediamento della nuova consiliatura) per assessori e consiglieri.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto in Emilia. Le voci dei salentini dalle zone che hanno tremato

LeccePrima è in caricamento