Lo vedono con pistola al fast food e chiamano il 112: scoperte altre armi

Notte movimentata a Torre Lapillo. Nei guai un 40enne. L'arma era finta, ma in casa ne aveva diverse altre a uso sportivo e cariche

PORTO CESAREO – Alcuni avventori l’hanno visto aggirarsi con una pistola nei pressi di una paninoteca ambulante di via Pontano, a Torre Lapillo, marina di Porto Cesareo. Erano le 2,30 di notte, non si capiva quali fossero le sue intenzioni, se l’arma fosse vera o meno e, di sicuro, con quella pistola addosso, ha suscitato molta apprensione.

Sono così fioccate le chiamate al 112 e, in breve, sul posto, sono arrivati i carabinieri della sezione operativa di Campi Salentina e della stazione di Porto Cesareo che l’hanno bloccato, sottraendogli l’arma. In realtà, era solo un giocattolo senza tappo rosso, per fortuna, ma il bello – si fa per dire - doveva ancora venire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sì, perché F.S., un 40enne originario del Brindisino, ma residente a Monza, che a Torre Lapillo ha una residenza estiva e che ieri notte non era del tutto in sé (pare avesse alzato un po’ troppo il gomito), in casa aveva una vera e propria collezione di armi per uso sportivo: tre fucili e due pistole. Di questi, un fucile e due pistole, con tanto di colpi nel caricatore. Armi detenute legalmente, peraltro, ma che sono state ritirate in via cautelativa, visto quanto accaduto. Una vicenda che, ovviamente ha fatto scattare anche una denuncia alla Procura di Lecce.  Nello specifico, per non aver comunicato lo spostamento delle armi da Monza a Torre Lapillo (articolo 38 del Tulps).        

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento