Cenere calda provoca un rogo di materiale e piccola barca all'esterno di una pizzeria

Visto dalla parte anteriore, sembrava che il rogo avesse interessato le cucine. In realtà tutto è avvenuto un una stradina laterale, vicino a una porta. La densa nube di fumo nero ha preoccupato diversi passanti, ma era dovuta ad alcune fascine e oggetti di plastica. Sul posto i pompieri

TORRE SQUILLACE – “Aiuto, il locale sta andando a fuoco”, avranno pensato (e temuto) in molti, preoccupati, vedendo quella nube nera sollevarsi in aria intorno alle 16,30 di questo pomeriggio, proprio dalla parte posteriore, dove si affacciano le cucine. In realtà, giusto un effetto ottico, se visto dall'ingresso principale, perché in effetti si era sviluppato un incendio, ma all’esterno del ristorante e pizzeria “Da Rocco”, sebbene proprio in prossimità di quella porta laterale. 

Ecco perché sono partite diverse chiamate al 115, anche di passanti. E tutto quel fumo nero? Più che altro, l’effetto della combustione di qualche oggetto di plastica, a partire da parte di una barca in vetroresina all'interno del giardino di pertinenza e di un un secchio. E’ durato così lo spazio di pochi minuti l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Veglie, giunti a Torre Squillace, nei pressi di Porto Cesareo, dove sorge il ristorante. Il più era stato fatto in tempo dagli stessi gestori del locale, evitando che le fiamme si propagassero. L'episodio, molto meno grave di quanto temuto in prima battuta.

IMG-20150509-WA0016-2Sembra che l’incendio sia stato generato da cenere ancora calda del forno che, venuta a contatto con un secchio, ne abbia provocato il surriscaldamento, con conseguente sviluppo di fiamme, anche perché proprio accanto c’erano anche alcune fascine. E il fuoco ha poi avviluppato anche l'imbarcazione. Tutto rientrato in poco tempo, come detto, senza ulteriori problemi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La stessa squadra di vigili del fuoco ha giusto verificato che non vi fossero altri rischi, prima di rientrare in caserma in attesa di altri interventi, in una giornata in cui non ne sono di certo mancati. Già nel corso della notte e fino alle prime luci del giorno, s’è verificato il grande rogo che ha avvolto macchia e pineta lungo la litoranea di Santa Cesarea. E in realtà, in tutta la provincia le chiamate sono state innumerevoli, quasi tutte per roghi nelle campagne, alimentati dal vento che s’è sollevato nel pomeriggio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento