Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Traffico di cuccioli dall’est Europa: anche un veterinario salentino tra gli indagati

Sono una ventina i nominativi iscritti nel registro degli indagati dalla procura di Cuneo. Avrebbero spedito cani in Italia e Spagna con dati falsificati

Foto di repertorio

LECCE  - Cuccioli di cane dall’est Europa per poi essere rivenduti soprattutto sui mercati di Italia e Spagna. C’è anche un veterinario salentino tra i venti indagati nell’ambito di un’operazione scattata nella giornata di ieri  e coordinata dalla Procura della Repubblica di Cuneo.

Assieme a S.R., leccese, nei guai anche una sua collega: un’altra veterinaria, residente a Cuneo  L’accusa è quella di aver falsificato i dati sui cuccioli, tracce poi rimaste sui microchip durante i viaggi clandestini di quei poveri animali. L’indagine è nata in Piemonte, a seguito della denuncia di alcuni proprietari, i quali hanno notato le precarie condizioni sanitarie dei propri animali.

Questi ultimi erano stati infatti sottoposti a vaccini improvvisati “artigianalmente” dai veterinari iscritti nel registro degli indagati. I sequestri sono stati eseguiti dal Nucleo carabinieri forestali di Cuneo, con perquisizioni effettuate non soltanto nel Salento e in Piemonte ma anche in altre dieci province italiane

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di cuccioli dall’est Europa: anche un veterinario salentino tra gli indagati

LeccePrima è in caricamento