Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Tre interventi dopo la frattura al femore, poi il decesso. Dodici gli indagati

Sono dodici i nomi iscritti nel registro degli indagati dal pubblico ministero Roberta Licci nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di una donna di Galatone, Addolorata Parisi, spirata a 71 anni nel reparto di ortopedia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. L’iscrizione è, comunque, un atto dovuto, anche e soprattutto in vista dell’esame autoptico

LECCE – Sono dodici i nomi iscritti nel registro degli indagati dal pubblico ministero Roberta Licci nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di una donna di Galatone, Addolorata Parisi, spirata a 71 anni nel reparto di ortopedia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. L’iscrizione è, comunque, un atto dovuto, anche e soprattutto in vista dell’esame autoptico. Gli indagati, infatti, potrebbero nominare un consulente da affiancare a quello designato dalla Procura. OIl pubblico ministero conferirà l’incarico al medico legale Roberto Vaglio. Saranno le indagini della Procura del capoluogo salentino a far luce sulla vicenda.

A dare avvio alle indagini la denuncia presentata lo scorso 8 gennaio dai figli della donna ai carabinieri di Gallipoli. I militari hanno identificato tutte le persone che hanno avuto in cura la donna dal 2013 a oggi e hanno acquisito le varie cartelle cliniche.

Il decesso è avvenuto per arresto cardiocircolatorio il 7 gennaio, ma la vicenda è complessa e affonda le radici nel tempo. La vicenda, infatti, ha avuto inizio nel giugno del 2013, quando la donna, a causa di una banale caduta, si è fratturata un femore. La 71enne è stata sottoposta a un intervento chirurgico presso l’ospedale “Sacro Cuore” di Gallipoli, dove le è stata applicata una protesi.

Il secondo passaggio, invece, risale al momento in cui, sostenendo di avvertire dolori a distanza di tempo, la donna si è rivolta a uno specialista di Bari che opera a Perugia. Condotta in una clinica privata del capoluogo umbro, è stata sottoposta a un nuovo intervento nel settembre del 2014. Il decorso, però, è stato – secondo quanto denunciato – ancora una volta non scevro da complicazioni, visto che la paziente avrebbe continuato ad accusare dolori e che anche alcuni fisioterapisti avrebbero accertato problemi. Da qui il terzo passaggio, cioè la decisione di recarsi al “Vito Fazzi” di Lecce dove si è proceduto ancora una volta ad analisi e, infine, a un nuovo intervento. E tuttavia, due giorni addietro la donna è spirata, portandosi dietro un carico di domande che ora attendono una risposta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre interventi dopo la frattura al femore, poi il decesso. Dodici gli indagati

LeccePrima è in caricamento