Valanga di rifiuti pericolosi. Sequestrata area dal Noe

I carabinieri del nucleo operativo ecologico di Lecce sono intervenuti per apporre i sigilli ad una discarica abusiva di 5 mila metri quadrati a ridosso della tangenziale ovest, sulla strada per Surbo

discarica-7
LECCE - Televisori e computer abbandonati "en plein air". Potrebbe rappresentare l'eldorado del più pigro dei ladri. Ma non è andata proprio così. Gli elettrodomestici erano abbandonati in un'area di 5 mila metri quadrati e in un fabbricato precedentemente utilizzato per il ricovero di animali (ma attualmente adibita a deposito di rifiuti speciali pericolosi). Fin qui tutto potrebbe essere nella norma, se non fosse che la discarica era completamente abusiva. Scoperta dai carabinieri del nucleo operativo ecologico di Lecce a ridosso della tangenziale ovest, nei pressi della strada provinciale che collega Surbo al capoluogo salentino, la zona è stata posta sotto sequestro preventivo d'urgenza.

Raggelanti i rilievi fotografici effettuati dai militari: sanitari, copertoni, infissi. E non è finita. Guaina bituminosa, plastiche ingombranti, materiali ferrosi e frammenti di cemento misto ad amianto. Tutta l'area, in realtà, rappresenta uno scenario raccapricciante per il più tollerante degli ambientalisti. Via Vecchia Surbo, è infatti invasa da rifiuti di ogni tipo abbandonati ai margini della strada o all'interno di una cava vicina. Una colonia di rifiuti che rischia di impedire persino il passaggio delle autovetture.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
I carabinieri stanno ora tentando di risalire agli autori della vicenda, esentando i due proprietari dell'immobile e della zona in questione che sembrano, al momento, non avere alcuna responsabilità nell'accaduto. Nell'attesa che sul luogo venga ripristinata la normalità, come previsto dal testo unico ambientale, è stata inoltrata una richiesta formale al sindaco di Lecce, Paolo Perone, perché provveda alle operazioni di recupero dei rifiuti e al loro smaltimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

Torna su
LeccePrima è in caricamento