Politica

Ss 275, audizione con il capo dipartimento Anas. Possibile replica con Armani

In commissione confronto con l'assessore Giannini, l'alto funzionario della società e il Comitato Sos 275. Cristian Casili, M5S: "Stralciare il progetto"

BARI – La vicenda discussa ed annosa del raddoppio della Strada statale 275 “Maglie-Leuca” potrebbe portare in Puglia il presidente di Anas, Gian Vittorio Armani, nominato al vertice della società dopo la deflagrazione dell’inchiesta della procura di Roma su un giro di mazzette.

E’ quanto emerso dall’audizione in commissione Ambiente e Trasporti della Regione Puglia alla quale hanno partecipato, oltre all’assessore competente, Giovanni Giannini, anche il capo dipartimento di Anas per la Puglia, Nicola Marzi e Vito Lisi in rappresentanza del comitato Sos 275 che da tempo si batte per fermare il progetto.

Il consigliere del Movimento 5 Stelle, Cristian Casili, ha illustrato le ragioni che accomunano il fronte del no all’opera per come concepita e approvata: “Gli interventi proposti sono anacronistici rispetto alle attuali esigenze socio economiche del territorio del Capo di Leuca che oggi ha una vocazione primariamente turistica e rurale. Nessuno vuole musealizzare il paesaggio e di fronte alle esigenze di sicurezza stradale, troppo spesso strumentalizzata dall’inefficienza e dal ricatto politico, abbiamo richiesto che lo stralcio del vecchio progetto della Prosal e la definizione  di una soluzione progettuale non sia una ‘semplice linea di inchiostro su una cartina datata’ come ha dichiarato il presidente di Anas Gian Vittorio Armani in merito al progetto su cui è stata appaltata l’opera”.

Lisi ha chiesto alla commissione di attivare in autotutela le procedure per annullare lo stanziamento dei fondi regionali (152 milioni), mentre Casili ha sollecitato Anas a intraprendere le azioni necessarie per il recupero del compenso di 5 milioni erogato alla Prosal Srl, che ha redatto il progetto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ss 275, audizione con il capo dipartimento Anas. Possibile replica con Armani

LeccePrima è in caricamento