Buoni spesa in formato digitale: 660 transazioni in meno di un giorno

Sono 113 gli esercizi convenzionati per acquisto di cibo e generi di prima necessità. Anche nella seconda tranche assicurati fondi per oltre 500mila euro

LECCE - Circa 27mila euro sono stati spesi in nemmeno 24 ore grazie ai buoni spesa in formato digitale del Comune di Lecce nell’ambito della seconda tornata dell’iniziativa a sostegno delle fasce più fragili della popolazione durante l’emergenza sanitaria. Il dato, aggiornato alle ore 13, è stato comunicato dal sindaco di Lecce, Carlo Salvemini.

Nel corso della prima erogazione, con buoni in formato cartaceo, sono stati garantiti 537 mila euro per alimenti e generi di prima necessità, con fondi della protezione civile. Altrettanti costituiscono il budget attuale e sono frutto di uno stanziamento della Regione, del Comune e di donazioni private.

Nei 113 esercizi commerciali convenzionati in città (qui l’elenco), dal pomeriggio di sabato i 3.026 beneficiari, individuati con avviso pubblico, possono fare la spesa presentando tessera sanitaria e documento d’identità: terminato l’acquisto ricevono un messaggio con la conferma dell’avvenuta operazione e con il credito residuo. E nelle prime ore sono state già 660 le transazioni portate a termine.

Il primo cittadino, ha rivendicato la semplificazione della procedura e l’efficacia dell’iniziativa: “Senza celebrazioni, ma per dovere di cronaca: la nostra città è al momento forse l’unico comune capoluogo d’Italia ad essere riuscito a garantire due tranche di finanziamento di medesimo importo alle famiglie in stato di bisogno. Siamo così riusciti a partire da aprile a assegnare oltre un milione di euro di sostegni economici alla nostra comunità. Per dare un’idea: Milano che è 15 volte più grande di Lecce ne ha impegnati per una sola tranche poco più di 5 milioni”.

La soddisfazione, però, va di pari passo con la consapevolezza che le difficoltà non termineranno con l'arrivo dell'estate.“Quella che emerge, a fronte di un impegno straordinario profuso, è l’immagine di una comunità che con dignità si misura con le conseguenze pesanti di un emergenza sociale che, siamo consapevoli, durerà a lungo costringendo le istituzioni nazionali e locali ad individuare nuovi strumenti di solidarietà e aiuto. Sento di ringraziare tutti quanti hanno tanto lavorato in questi mesi per questo obiettivo: nell’assessorato al Welfare, all’Innovazione Tecnologica, alle Attività Produttive. assessori, dirgenti, funzionari, dipendenti tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento