“Ambiente bene comune”, anche i cacciatori in azione per la Giornata della terra

Al via la quarta edizione della campagna di sensibilizzazione ecologista, lanciata dall'Ambito territoriale di caccia del Salento

La pulizia di una pineta (Foto di repertorio)

LECCE - Anche i cacciatori salentini intenzionati a proteggere la “grande bellezza”. L’Ambito territoriale di caccia della Provincia di Lecce ha, infatti, proposto la quarta edizione del progetto “Ambiente bene comune”. In occasione della prossima “Giornata mondiale della terra”, anche i cacciatori contribuiranno ai momenti di sensibilizzazione per ripulire dai rifiuti boschi e ambienti degradati della provincia leccese. L’iniziativa è aperta a ogni sorta di associazione, sia venatoria, che ambientalista. Ma anche alle scuole, Comuni, cittadini che hanno a cuore la salvaguardia del territorio.

Sarà l’Atc a fornire il materiale necessario alla bonifica: manifesti pubblicitari, guanti, sacchetti e cappellini. I rifiuti saranno smaltiti col sistema della differenziata, mentre un buono una tantum di 200 euro spetterà a ogni associazione che parteciperà al progetto. Nella manifestazione provinciale conclusiva sarà proposta una mostra che illustrerà le iniziative realizzate, nella quale verrà consegnato un attestati partecipanti. Le iscrizioni dovranno essere presentate dal 6 ed entro il 16 aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con questo progetto – osserva Daniele Danieli - presidente dell’Ambito territoriale di caccia– si intende creare un equilibrio fra uomo e natura che si basi sul rispetto del territorio e dell’ambiente, un’azione volta a migliorare e preservare il nostro Bene Comune. Sarà un’occasione per dimostrare che mantenere viva e attiva la natura è un dovere di ognuno di noi, nella certezza che tutto ciò potrà concorrere a rendere sempre più vivibile l’ambiente e nel contempo creare situazioni di sempre maggiore sensibilità, responsabilità e collaborazione fra i diversi soggetti sociali e le istituzioni territoriali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • La ministra dell'Istruzione boccia Emiliano: "La Puglia riapra le scuole"

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

  • Aggressione furibonda a colpi di martello: lui in ospedale, i cognati in arresto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento