Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Ennesimo aumento delle tariffe per i bus. Insorgono gli universitari di Link Udu

L’associazione studentesca ripercorre le tappe degli incrementi che hanno colpito il trasporto urbano, rivendicando il diritto alla mobilità degli universitari. “Il Comune non può considerarlo una voce di spesa da cui sottrarre fondi”

LECCE – Ennesimo aumento delle tariffe del trasporto pubblico: gli universitari non ci stanno più. E denunciano, per tramite dell’associazione Link Udu, come non si tratti del primo aumento registrato. Piuttosto il provvedimento s’inserirebbe nel quadro di una lunga serie di modifiche che “hanno cambiato completamente il volto del trasporto pubblico nella città di Lecce”.

La rete studentesca ricorda come nel febbraio 2008 l’Università di Lecce, Provincia di Lecce, Comune di Lecce, Sgm e Stp firmarono la “Convenzione per l'incentivazione dell'uso di trasporto collettivo integrato”. Si trattava di sedici articoli con cui si disponevano, tra gli altri, tre aspetti fondamentali: l'istituzione di un abbonamento mensile integrato valido per la linea Lecce-Ecotekne e per l'intera linea cittadina della Sgm, al costo di 15 euro. Una convenzione che avrebbe dovuto dare la possibilità agli universitari di poter usufruire del servizio di trasporto tra centro e polo scientifico usando entrambi i vettori Stp e Sgm. Poi la definizione di un costo degli abbonamenti dei singoli vettori al di sotto dei 15 euro previsti dal biglietto integrato per la tratta Lecce-Ecotekne (il costo dell’abbonamento Sgm fu pattuito a 10 euro mensili). Infine, per la Stp fu prevista una riduzione degli abbonamenti per le tratte da e per la provincia (-20 percento per l’abbonamento settimanale, -26 percento per il mensile) per gli studenti universitari.

La convenzione veniva rinnovata nel marzo 2009, ma un anno dopo sospesa, “senza che peraltro la componente studentesca fosse interpellata”. Perché? “A sentire i soggetti coinvolti nella convenzione la risposta sembra essere univoca – spiegano i referenti studenteschi - . Nonostante ci fossero ancora i finanziamenti necessari a portare avanti la convenzione, da quando per delibera del Comune di Lecce (che è proprietario di maggioranza proprio di Sgm) è stato proibito il passaggio nel centro cittadino delle aziende di trasporto extraurbano, Sgm è diventata l’unica a poter erogare il servizio di trasporto urbano per Ecotekne, tagliando fuori Stp. Che convenienza avrebbe avuto il biglietto integrato sulle linee urbane? Così nel giro di pochi anni ci siamo trovati senza più una convenzione e con essa anche gli sconti previsti per gli studenti”.

“A questo si sono aggiunti, negli anni, diversi aumenti del costo dei biglietti – proseguono gli studenti - ,a volte celati da adeguamenti Istat, altre volte deliberati dalla stessa amministrazione aziendale, vedi Sgm, in cui è proprio il Consiglio comunale a deliberare i piani tariffari”. Ed è proprio il trasporto urbano a registrare l’incremento più significativo, denuncia Link Udu: dal Giugno 2012 ad oggi, il prezzo dell’abbonamento mensile per Ecotekne è passato così da 10 euro a 24,20 euro.

“Davanti a tale sconcertante scenario – prosegue la nota stampa -, il mondo studentesco reclama i suoi diritti e con forza ha richiesto e continuerà a farlo, nelle scuole, nelle università, in piazza.Da molti soggetti la disponibilità anche economica di intervenire è stata resa nota, aspettiamo solo che il Comune di Lecce, per una volta, non veda solo nel trasporto un capitolo di spesa da cui sottrarre fondi, ma un canale strategico d’intervento per la città, l’Università e i suoi studenti, soprattutto in questo momento in cui concorre per il titolo di capitale della cultura”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ennesimo aumento delle tariffe per i bus. Insorgono gli universitari di Link Udu

LeccePrima è in caricamento