Finisce l'era del Circolo cittadino. La Provincia formalizza il benservito

La commissione Patrimonio della Provincia ha chiuso l'iter con il quale l'ente, a breve, riprenderà pieno possesso degli storici locali. L'assessore Gaetani: "L'immobile ad attività di cui il Salento ha bisogno"

Il Circolo cittadino

LECCE - Una questione di carte e poco più. Il destino dell'immobile da decenni conosciuto come Circolo cittadino è segnato da tempo e nelle prossime settimane troverà compimento: i locali di via Rubichi torneranno nella piena disponibilità della Provincia di Lecce, ente proprietario, che per una risibile somma annuale - 2mila 400 euro - aveva concesso ad un'associazione l'uso dello stabile. Ma le costanti inadempienze nei versamenti previsti, più gli interessi maturati in 22 anni, hanno determinato un debito di circa 50mila euro. Ci penserà ora l'avvocatura dell'ente a provare a recuperare quanto dovuto.

Il presidente della Provincia, Antonio Gabellone, subito dopo l'estate aveva dato mandato all'amministrazione di recuperare il bene - rispetto al quale esiste un contenzioso sin dal 1993 - per valorizzare un contenitore che, evidentemente, può diventare maggiormente produttivo, sia in termini di fruibilità che di rendita. Negli anni, scorsi, addirittura, si era pensato di inserirlo in un piano delle alienazioni per rastrellare un poco di liquidità per le casse esangui dell'ente, ma l'esistenza del vincolo da parte della Soprintendenza aveva reso impraticabile quella strada.

L'idea che sta ora serpeggiando nei corridoi di Palazzo dei Celestini, infatti, è di farne uno spazio artistico da destinare, magari, a dare visibilità a quegli artisti del territorio che non hanno santi in Paradiso. Così la pensa, ad esempio, Renato Stabile, presidente della commissione competente che oggi ha concluso l'iter avviato mesi addietro per rimettere le mani sui chiostri di quello che era il convento dei cassinesi. Dal punto di vista politico, il consiglio provinciale si è espresso già a ottobre in maniera pressochè unanime.

Da domani il dirigente del servizio Patrimonio, Luigi Merico, potrà predisporre l'ordinanza di rilascio. Non ci sarà alcuna resistenza da parte dell'associazione "Circolo cittadino" e la riconsegna dell'immobile avverrà allo spirare del termine previsto dall'ordinanza stessa. Soddisfazione è stata espressa dall'assessore al Patrimonio, Pasquale Gaetani.  "In questi anni abbiamo dato continua testimonianza di attenzione verso le associazioni e i circoli che hanno contribuito ad elevare la quota culturale del territorio, ma in questa vicenda è sembrato a tutti evidente che il rapporto di stima e collaborazione non fosse biunivoco, ma semplicemente unidirezionale. L’utilizzo diretto dello stabile da parte della Provincia di Lecce sarà certamente finalizzato ad attività altrettanto importanti di cui il Salento ha grande bisogno". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento