Politica

Regionale 8, ok alle varianti: si avvicina la riapertura del cantiere

La giunta presieduta da Emiliano ha dato il via libera alla delibera con le indicazioni necessarie alla luce della sentenza del Consiglio di Stato

La sede della giunta regionale

LECCE – La giunta regionale ha approvato le varianti al progetto della Regionale 8 Lecce-Melendugno che si sono rese necessarie dopo la sentenza del Consiglio di Stato del 2016 che aveva sancito un sostanziale smantellamento dell’iter fino ad allora seguito.

La delibera proposta dall’assessore alle Infrastrutture, Giovanni Giannini, ha ottenuto il via libera: la Regione Puglia precisa in una nota da una parte di aver difeso la priorità dell’opera, il cui stallo ha determinato anche una crisi occupazionale, dall’altra di aver ridotto l’impatto ambientale rispetto all’originario progetto della cosiddetta “Circumsalentina”.

Il tracciato definito prevede una strada a due corsie dall’uscita Fondone della Tangenziale Est di Lecce fino alla rotatoria dei Giardini di Atena (territorio di Lizzanello), realizzata in adiacenza a una via interpoderale che viene conservata e valorizzata (la esistente Sp1 verrà messa in sicurezza).

Dalla rotatoria e sino all’ingresso di Vernole la strada sarà a quattro corsie, con complanari dove necessario, per assorbire "il maggior volume di traffico che si concentra sommando quello locale al traffico turistico verso le marine". La strada proseguirà, quindi, fino a Melendugno a due corsie, servita da complanari di disimpegno. Tranne il primo tratto dunque, tutte le opere sono previste in allargamento del tracciato già esistente. Sono state stralciate le cosiddette circonvallazioni di Vernole e Melendugno e non sono più interessate dal progetto le aree oggetto di esproprio sulle quali si è concentrato il contenzioso

La Regione Puglia precisa che “non è prevista la demolizione o l'interessamento di alcun bene monumentale o di valore storico e paesaggistico, nel mentre si riducono ulteriormente gli alberi di ulivo da espiantare (monumentali e non) che, comunque, compatibilmente con le norme anti xylella è previsto che siano tutti reimpiantati nelle immediate vicinanze”.

E’ prevista come opera di compensazione, anche la realizzazione  un percorso ciclabile sin dalla stazione di Lecce sino a San Foca attraverso piste adiacenti la sede stradala, ma anche con l’utilizzo dei percorsi rurali già esistenti. La gestione del “fascicolo” passa ora al settore Lavori Pubblici per gli adempimenti dirigenziali dopo di che – “in un lasso ragionevole di tempo” – si prevede il ritorno al lavoro degli operai.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionale 8, ok alle varianti: si avvicina la riapertura del cantiere

LeccePrima è in caricamento