Politica

"Iacp non può sfrattare: prima rispetti le norme"

Pankiewicz, candidato sindaco per il Centro moderato, interviene sul caso dell'Istituto autonomo case popolari. "Da due anni si attende l'applicazione della legge regionale sul rapporto locativo"

Sul caso dell'Istituto autonomo case popolari e degli sfratti compiuti ai danni di diversi inquilini, scende in campo anche Wojtek Pankiewicz, candidato sindaco per il Centro moderato.

"Lo Iacp di Lecce continua a disattendere le legittime aspettative degli utenti che da oltre due anni attendono l'applicazione della legge regionale numero 1 del 12/01/2005, il cui articolo 60, quarto comma, prevede che gli Istituti autonomi case popolari di Puglia regolarizzino ogni rapporto locativo mediante il pagamento del 30 per cento della morosità complessiva gravante sull'alloggio, rateizzato", dice Pankiewicz.


"A mio parere - prosegue -, nessuna azione di sfratto potrà intraprendere lo Iacp se non avrà analiticamente documentato ad ogni assegnatario l'esatta entità e l'origine delle somme richieste e, una volta concordate con l'utente, non procederà alle regolarizzazione del rapporto locativo, con le modalità e le procedure previste dalla legge regionale 1/2005".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Iacp non può sfrattare: prima rispetti le norme"

LeccePrima è in caricamento