Imu e Tasi: Lecce è tra le prime dieci città più care in Italia

L'acconto si versa per la seconda casa, ma anche per le seconde pertinenze (seconde cantine o garage) della prima abitazione. Giannetto, Uil: "Serve maggiore equità"

Panoramica di Lecce.

LECCE - È di 535 euro la media nazionale di spesa per l’acconto Imu-Tasi del 16 giugno sulla seconda casa, ma ai leccesi questa scadenza costerà 806 euro. Ben 271 euro in più. “È in arrivo una vera e propria batosta, Lecce si piazza addirittura tra le prime 10 città più care d’Italia - afferma il segretario generale della Uil di Lecce, Salvatore Giannetto, commentando il Rapporto Imu-Tasi 2016 appena diffuso dall'organizzazione sindacale -. Considerato che nel nostro Paese il 76 per cento dei proprietari di immobili diversi dall'abitazione principale è composto da lavoratori dipendenti e pensionati crediamo che non basti l'abolizione della tassa sulla prima casa per alleggerire il peso fiscale e, soprattutto, renderlo più equo".

Lo studio del servizio Uil politiche territoriali, guidato dal segretario confederale Guglielmo Loy, ricorda inoltre che non bisognerà pagare la tassa sulla prima casa, con un risparmio medio di 60 euro a Lecce, ma se l'abitazione principale ha seconde pertinenze sarà necessario sborsare in media 85 euro per un garage e 35 euro per una cantina. Anche in questo caso, più della media nazionale che si attesta a 76 euro per i garage e a 33 euro per la cantina. Chi possiede un solo garage o una sola cantina come pertinenza dell’abitazione principale non deve pagare nulla. L'acconto Imu/Tasi, invece, si paga anche sulle prime case cosiddette di lusso: in questo caso a Lecce la spesa media è di mille e 701 euro.

Le aliquote non hanno subito rialzi, considerato il blocco imposto per l’anno in corso, ma non hanno nemmeno subito ribassi, cosa questa possibile ma non attuata da alcuna città. “Senza una significativa riduzione delle imposte − dice il segretario Giannetto − e senza l'aumento del potere d'acquisto per i pensionati e i lavoratori dipendenti, troppo a lungo penalizzati, non si esce dal tunnel della crisi. Lo dice da sempre la Uil e noi vogliamo rilanciare questa richiesta da Lecce, perché la pressione fiscale in un territorio come il nostro risulta insostenibile e non solo per il fatto che la media locale delle tasse sugli immobili è superiore a quella italiana". Poi aggiunge: "Gli sportelli dei Caf Uil sono affollati in questi giorni da tantissime persone che chiedono assistenza per il calcolo della rata Imu/Tasi e, dal rapporto diretto con i contribuenti, risulta evidente come molti vivano con preoccupazione la scadenza fiscale. Non solo questa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Cambiare si può e si deve − conclude il leader della Uil di Lecce −. L'attuale sistema di tassazione degli immobili va modificato per affermare il principio costituzionale dell'equità sostanziale tra i cittadini. Il Rapporto Uil specifica che il 68 per cento dei proprietari di immobile diverso dall'abitazione principale dichiara un reddito al di sotto dei 26 mila euro. Non possono certo essere definiti paperoni soltanto perché hanno seconda casa, in molti casi ricevuta in eredità. Ecco perché occorre eliminare quelle incongruenze che caratterizzano l’attuale sistema di tassazione sugli immobili. Il tema, infatti, è come alleviare il peso per le persone meno abbienti e chiedere un contributo maggiore a chi ha più disponibilità, a partire da una seria revisione dei criteri che regolano i valori catastali, improntata a criteri di equità e propedeutica a una revisione generale del fisco locale. Si tenga conto delle differenze economiche e sociali per assicurare davvero parità di trattamento fra cittadini e, nel contempo, va sempre più equilibrato il rapporto Stato-enti locali in tema di fiscalità dando, finalmente, certezze alle istituzioni e ai contribuenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Il lusso targato Renè de Picciotto: dal lido di Savelletri alla terrazza pensile di Lecce

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Covid-19, balzo al 6,5 per cento dei nuovi infetti: sono 350 in Puglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento