Case ex Magno e Borgo San Nicola: Regione attende i progetti del Comune

L'assessore allo Sviluppo economico ha incontrato, in qualità di esponente leccese del governo regionale, il comitato degli inquilini che da tempo hanno aperto un contenzioso con Palazzo Carafa e che rivendicano l'urgenza di interventi di manutenzione

Il complesso ex Magno.

LECCE - A ciascuno la sua parte, senza alibi per non assumersi le proprie responsabilità. La Regione Puglia è pronta a finanziare interventi di recupero e riqualificazione, tanto presso il complesso ex Magno che a Borgo San Nicola, ma solo se il Comune deciderà di assumere il ruolo che gli compete in quanto ente proprietario degli immobili le cui condizioni sono occasione di perenne lamentela da parte degli inquilini. 

Lo ha detto Loredana Capone, assessore regionale allo Sviluppo economico, che oggi ha incontrato il comitato di viale della Repubblica - assistito dal legale Carlo Mignone e dal sindacato - che da tempo ha aperto un "contenzioso" con l'assessore comunale alla Casa e al Patrimonio, Attilio Monosi. La storia è nota: i circa 140 appartamenti di proprietà di Palazzo Carafa necessitano di interventi di manutenzione straordinaria ma l'impegno assunto dall'amministrazione è per ora sulla carta. Nei prossimi giorni dovrebbe diventare definitiva, salvo ricorsi, l'aggiudicazione del bando per la sistemazione della facciata. Non solo: l'esponente del governo cittadino e gli inquilini sono ai ferri corti, come emerso nel corso di un recente consiglio comunale monotematico. 

Magnointerno-2E oggi a decine si sono confrontati con Loredana Capone, accompagnata dai consiglieri comunali Paolo Foresio e Antonio Rotundo. I cittadini attendevano anche l'assessore al Territorio e vicepresidente della giunta, Angela Barbanente, che però è rimasta a Bari per il prolungamento di una commissione consiliare. L'esponente leccese del Pd ha preso in carico la documentazione che il comitato aveva preparato e ha assicurato un secondo incontro al quale parteciperà anche la collega oggi assente. 

All'incontro di oggi, che si è svolto presso la ex sede della circoscrizione Rudiae, proprio nei locali al piano terra del complesso ex Magno, ha presenziato anche un cittadino di Borgo San Nicola che ha rappresentato i disagi, per certi versi simili, degli abitanti del rione leccese. Delle case popolari - ha detto - un terzo circa sono murate e per le altre vi sarebbero pericolo imminenti. Anche in questo caso le lamentele affondano le loro radici nel tempo, aggravate dal fatto che la zona è assolutamente carente di servizi anche primari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento