rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Politica San Pio / Via Silvio Pellico

Era una “cerniera inceppata”: dopo 15 anni riapre via Silvio Pellico

Un interminabile iter giudiziario iniziato nel 2007 ha provocato un isolamento urbanistico fra due aree del quartiere San Pio. Una nuova strada intitolata a Libero Grassi

LECCE - “Abbiamo voluto un momento di condivisione pubblica perché fosse una festa per tutti. Non senza fatica siamo riusciti a sbrogliare la complicata matassa che da quindici anni impediva la libera fruizione di questa importante arteria di collegamento nel cuore del quartiere San Pio, causando tanti disagi segnalati da residenti e commercianti”.

A parlare è il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, che questa sera, con un simbolico taglio del nastro al fianco di residenti e commercianti del quartiere, ha riaperto il tratto di strada che connette via Silvio Pellico con via Cavalieri di Vittorio Veneto. Di fatto, un angolo di città nuovo di zecca, dato che la strada è ora, finalmente, pubblica.

dc949907-9e43-40ea-bcbd-10877b3e7669-2

Per ben quindici anni (cinque in più persino della prigionia alla quale fu sottoposto lo scrittore Silvio Pellico!) quella si potrebbe definire una sorta di cerniera inceppata, ha provocato un paradossale isolamento urbanistico: molti servizi erano a portata di mano, ma raggiungibili solo facendo un lungo giro. Insomma, è rimasto penalizzato chi vive e lavora in quella zona di San Pio. E, ora, quella strada ha anche un nome: sarà ribattezzata via Libero Grassi, in onore dell’imprenditore palermitano assassinato dalla mafia nell’agosto del 1991 per non aver voluto cedere al ricatto del pizzo. Sarà, dunque, la neonata via Libero Grassi a permettere agli abitanti del quartiere di raggiungere la Chiesa Santa Maria della Porta, le attività commerciali, le scuole e le poste senza dover escogitare percorsi alternativi.

A monte di tutto, vi è stato un interminabile contenzioso giudiziario, nato nientemeno che nel 2007. Fra i principali passaggi compiuti dal Comune, dal 2017 ad oggi, per arrivare allo sblocco, vanno annoverati l’approvazione della variante urbanistica, in Consiglio comunale, per svincolare il destino della strada da quello del cantiere alla quale era legata e, grazie alla dichiarazione di pubblica utilità dell’opera, l’acquisizione al patrimonio comunale che ha fatto seguito a un accordo per la cessione intercorso con la famiglia ex proprietaria di questo tratto.

IMG-20220228-WA0049-3

I prossimi passi, sulla base del progetto definitivo, inserito nel Programma triennale dei lavori pubblici per l’anno 2022, saranno i lavori per dotare la via di un nuovo manto stradale, di marciapiedi, di un impianto di pubblica illuminazione composto da tre pali e della segnaletica stradale orizzontale e verticale. L’avvio alle opere è previsto per le prossime settimane.

“Raggiungiamo oggi questo risultato di cui beneficerà l’intera comunità”, conclude il sindaco che, per le soluzioni tecniche, ringrazia gli assessori ai Lavori pubblici Marco Nuzzaci e all’Urbanistica Rita Miglietta e i rispettivi uffici e, per la comunione d’intenti nel perseguire l’obiettivo, l’intero Consiglio comunale”.

IMG-20220228-WA0047-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era una “cerniera inceppata”: dopo 15 anni riapre via Silvio Pellico

LeccePrima è in caricamento