Politica

Lidi balneari, incontro per le concessioni demaniali

Martedì l'assessore Marti convocherà i titolari degli stabilimenti della fascia costiera per individuare insieme i criteri che dovranno ispirare l'amministrazione nell'adeguamento alla legge regionale

L'assessore all'Urbanistica Roberto Marti ha convocato per martedì 30 ottobre alle 11 presso la sala Giunta di Palazzo Carafa i titolari degli stabilimenti balneari e di altre strutture della fascia costiera. L'incontro è stato stabilito per individuare insieme i criteri ed i contenuti che dovranno ispirare il provvedimento dell'amministrazione comunale sulla disciplina delle concessioni demaniali. Nei giorni scorsi l'assessorato al Demanio marittimo della Regione Puglia ha emanato una circolare con la quale viene chiarisce che l'articolo 42 della legge regionale 10/2007 (e, quindi, il comma 4 bis aggiuntivo all'articolo 11 della legge n. 17/06 che disciplina la tutela e l'uso della costa) continua a dispiegare la sua piena validità nonostante il governo abbia impugnato la norma innanzi alla Corte costituzionale per conflitto di attribuzione ed in attesa del suo pronunciamento.


In sostanza, i titolari di concessione demaniale marittima possono mantenere in modo legittimo per l'intero anno le proprie strutture (precarie, amovibili e di facile rimozione) già autorizzate, in deroga ai vincoli previsti in materia di tutela territoriale, paesaggistica, ambientale e idrogeologica. "Il provvedimento è - spiega una nota di Palazzo Carafa - necessario per evitare che i gestori, in virtù della situazione normativa precedente al comma 4 bis, procedano alla rimozione delle strutture all'approssimarsi della scadenza del 31 ottobre e sostengano costi economici ingiustificati. Già in passato e prima della modifica normativa l'incertezza interpretativa sul comma 4 dell'art. n. 11 della legge numero 17/06 ha determinato situazioni incresciose e penalizzanti per i concessionari di licenza e oggettive difficoltà per gli Uffici tecnici comunali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lidi balneari, incontro per le concessioni demaniali

LeccePrima è in caricamento