Politica

"Memento audere semper". La scenografia di Natale e la "trovata" della consigliera

Se in tutto il mondo "Xmas" è usata come formula abbreviata per Christmas, in Italia è un acronimo molto caro al neofascismo e ai nostalgici. Forza Italia sdrammatizza e difende la sua esponente

Il post della consigliera De Benedetto.

LECCE – Forza Italia esprime solidarietà alla consigliera comunale Federica De Benedetto che ha inserito sui profili Facebook e Instagram una foto particolare: “giocando” sulla composizione abbreviata della parola Christmas, “Xmas”, allestita in piazza Mazzini insieme ad altre decorazioni, ha richiamato esplicitamente il motto “memento audere semper” (ricordati di osare sempre).

Coniato da Gabriele D’Annunzio nel corso della Prima Guerra Mondiale per un’azione di sabotaggio bellico che diede fiducia alla Regia Marina provata dal prolungato scontro in atto, tornò in auge nel corso del secondo conflitto quando divenne per forza di cose più accentuato il carattere fascista associato alla flottiglia di pronto intervento, la Decima appunto, che venne creata nel 1941 sulle ceneri della Prima. Decima come la Decima Gemina, legione a cui Giulio Cesare era molto legato.

Il richiamo alla grandezza dell’impero romano, così come all’esaltazione del coraggio e delle imprese temerarie fino al sacrificio della vita sono state nel Ventennio delle costanti della propaganda mussoliniana. Non è un caso che i movimenti neofascisti, a partire dagli anni Settanta, hanno adottato simbologia e lessico della Decima.

La foto della De Benedetto, messa lì nel calderone dei social come un assist sotto porta, le ha attirato addosso l’accusa di essere una nostalgica e, comunque, di aver svilito il ruolo di rappresentante istituzionale con un ammiccamento ad un passato che tutti, senza distinzione, dovrebbero considerare definitivamente archiviato, e senza rimpianti. Lei respinge al mittente l'accusa: "Comprendo che se si ricopre un incarico istituzionale tutto possa essere interpretato o ingigantito. Nulla contro i giornalisti. Ma se citare D'Annunzio e fare ironia sull'uso di troppi inglesismi nel festeggiare anche la più sacra delle festività cristiane è associabile al fascismo, allora è come se 60 anni di storia non fossero trascorsi". 

Il suo partito la difende a spada tratta definendo le polemiche “sterili” e “inutili”: “Le allusioni alla Decima MAS – scrive il coordinatore cittadino Cristian Sturdà - il reparto segreto d'assalto della Marina Regia sono davveri futili perché la X Mas rappresentò all'epoca della sua attività uno dei corpi d'azione tra i più apprezzati al mondo e perché il senso della foto era evidentemente ironico, volto a scherzare sulla configurazione grammaticale dell' addobbo natalizio. Cogliamo l'occasione  per augurare a tutti buon Natale, senza polemiche frutto di sterili pregiudizi”.

La consigliera De Benedetto non è certo la sola ad aver divulgato una simile fotografia. Molti altri lo hanno fatto, con riferimenti assolutamente chiari al fascismo. “Xmas” è una formula diffusa oramai da anni in tutto il mondo occidentale e non ha, naturalmente, alcun altro riferimento se non al Natale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Memento audere semper". La scenografia di Natale e la "trovata" della consigliera

LeccePrima è in caricamento