Politica Via Duca degli Abruzzi

Degrado nelle strade secondarie del centro: “Ora dobbiamo attendere il pontefice?”

Il consigliere Daniele Montinaro commenta ironicamente le condizioni della parte della città antica visitata dal segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone, per l'inaugurazione della Casa della carità in corte Gaetano Stella

Una pattuglia nel centro storico.

LECCE – “Dopo il cardinal Bertone, ci vorrà il pontefice per vivere altre poche ore di serenità”? Se lo è chiesto, ironicamente, il consigliere comunale di Grande Lecce, Daniele Montinaro, il giorno dopo la visita del segretario di Stato vaticano  che domenica ha inaugurato la Casa della carità, in Corte Gaetano Stella. Il riferimento è a quella zona della città, tra via Duca degli Abruzzi e via Carlo Russi, che secondo l’esponente del centrodestra cittadino resta figlia di un dio minore, come le pessime condizioni del manto stradale e la scarsa igiene testimonierebbero ogni giorno.

Montinaro, che ha più volte interpellato l’assessorato competente, si dice anche perplesso del fatto che in quella parte del centro storico non ci siano, né siano previste le telecamere che invece sono state installate altrove. Vandalismo, sicurezza a rischio, schiamazzi: una miscela che rende invivibile a tutte le ore stradine e i vicoli della zona. Il disagio per i residenti sarebbe oramai insopportabile. E dopo le misure di sicurezza e la pulizia straordinaria realizzata, il timore è che si debba ricominciare come se nulla fosse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado nelle strade secondarie del centro: “Ora dobbiamo attendere il pontefice?”

LeccePrima è in caricamento