Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Poli scarica Pagliaro: "Alternativo al centrodestra"

Nuovi attriti dopo il riavvicinamento, ma l'editore di Telerama precisa: "Noi dialoghiamo con tutti. Adriana venga con noi". E le primarie del Movimento slittano: "Le coalizioni devono fare chiarezza

Iosud_regioneSalento_001-2

LECCE - La loro luna di miele è durata lo spazio di un'estate. Del resto, qualcuno aveva parlato sin dagli inizi di un "matrimonio di interesse" fondato sulla compatibilità tra il progetto rilanciato da Paolo Pagliaro, editore di Telerama per l'istituzione della Regione Salento e la svolta politica di Adriana Poli Bortone che, da quando ha lasciato il Pdl, ha intrapreso una strada non ostile al centrodestra ma fortemente caratterizzata da una matrice territoriale (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=28785).

Le trattative politiche stanno determinando una partita a scacchi, in cui le mosse dell'uno sono subordinate alle scelte dell'altro. Anche perché, tra i due principali schieramenti si pone il polo centrista che ritiene di essere determinante per l'elezione del nuovo inquilino di Palazzo Carafa. Attualmente il raggruppamento che si guarda a destra e a sinistra è composto da Udc, Io Sud e le liste che fanno capo al Movimento Regione Salento ma è probabile che la loro contiguità sia del tutto casuale. Non si tratta insomma di una coalizione e nulla fa pensare che ci siano interessi così convergenti da determinare un polo autonomo fino alla fine. Anzi, è probabile che ai nastri di partenza si presenteranno in ordine sparso.

Sono giorni di grandi manovre, questi di fine estate. E di continui riposizionamenti strategici. Così dopo un paio di apparizioni a braccetto, tra l'editore e la parlamentare si è ristabilita una certa distanza. La provocazione è partita dalla senatrice che ha detto chiaramente che "Paolo Pagliaro, con le sue 10 liste, a questo punto è alternativo e non organico al centrodestra". Immediata la risposta del diretto interessato che ha precisato: "Noi dialoghiamo con tutti e seguiamo con attenzione il dibattito. Se Adriana condivide il nostro progetto di città che in alcuni punti, lo dico per chiarezza, è critico nei confronti di certe sue vecchie scelte amministrative, venga con noi. Accompagnerebbe con la sua esperienza politica e con la sua spinta di riformismo meridionalista la nostra freschezza ed il nostro entusiasmo".

Nella sua risposta, Pagliaro però dice anche qualcos'altro e cioè che le primarie del suo movimento saranno indette "non appena le coalizioni avranno fatto chiarezza al loro interno". Slitterà dunque la data inizialmente prevista e preannunciata per la seconda metà di settembre. Ma di una cosa Pagliaro è certo: "Noi saremo protagonisti, e proporremo un nostro candidato, o alle primarie o direttamente a Sindaco di Lecce

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poli scarica Pagliaro: "Alternativo al centrodestra"

LeccePrima è in caricamento