Politica Seclì

Provincia: arrivano 250mila euro per la Galatone-Aradeo

Lavori in Giunta a Palazzo dei Celestini: oltre al progetto definitivo per il tratto di strada fino a Seclì, decisa anche la nuova sede per la Fondazione Ico Tito Schipa nei locali dell'ex Sisri

La giunta di Palazzo dei Celestini, presieduta da Giovanni Pellegrino, ha approvato nella seduta odierna il progetto definitivo di 250mila euro, finalizzato ai lavori di sistemazione della strada provinciale Galatone-Aradeo alla Contrada Luna. Il progetto interessa il tratto di strada provinciale che attraversa i territori di Galatone e Seclì per una lunghezza di circa 2 chilometri. Con questo provvedimento l'esecutivo provinciale ha deliberato il via ad alcuni interventi di sistemazione che riguardano la messa in sicurezza di un tratto di strada nel territorio di Seclì profondamente degradato e soggetto a crolli, attualmente interdetto al traffico veicolare; il rifacimento del manto stradale di un tratto di strada di circa 1 chilometro, che si presenta disconnessa; la realizzazione di canalette di drenaggio delle acque meteoriche superficiali, all'interno del centro abitato di Seclì, da convogliare nel collettore principale.

"L'intervento adottato in giunta", dichiara l'assessore alle Strade Flavio Fasano, "risolve, difatto, un problema molto importante per le popolazioni interessate. Con la messa in sicurezza ed il rifacimento del manto stradale abbiamo eliminato qualsiasi situazione di rischio. E' questa un'ulteriore dimostrazione che prosegue il nostro impegno per dotare il territorio di una viabilità moderna facendo molta attenzione anche alla sicurezza".

E un'altra decisione riguarda la Fondazione Ico Tito Schipa, che ora ha una nuova sede. Si tratta di parte dei locali dell'immobile ex Sisri, di proprietà della Provincia. Dell'immobile la Provincia ha destinato due aree alla Fondazione. L'ala destra sita al primo piano, da usare come sala prove, sala professori e stanze dei direttori; tutto lo scantinato dell'ala sinistra da utilizzare come archivio musicale, amministrativo, deposito strumenti, scenografie, eccetera. Il contratto di comodato sottoscritto prevede una durata di 9 anni ed è rinnovabile. Fino a questo momento la Fondazione Ico aveva utilizzato come sede delle prove dei direttori e dell'orchestra l'ex Liceo Musicale Tito Schipa di Lecce, dovendo affrontare disagi di varia natura, a causa delle precarie condizioni strutturali dell'immobile.

Sul fronte dello sviluppo, invece, è stata annunciata l'adesione alla "Rete provinciale della Riva Sud", organismo volontario delle amministrazioni provinciali, geograficamente affacciate sul Mare Jonio, creato con lo scopo di avanzare progetti di sviluppo tali da attribuire alle Province coinvolte un peso geo-politico di rilievo nazionale e internazionale.
La Rete, promossa dalla Provincia di Crotone e con sede presso la presidenza della stessa amministrazione calabra, raccoglie le 10 Province italiane che si affacciano sulle rive del Mar Ionio appartenenti tre alla Regione Sicilia, quattro alla Calabria, due alla Puglia, una alla Basilicata: Siracusa, Catania, Messina, Reggio Calabria, Catanzaro, Crotone, Cosenza, Taranto, Matera e Lecce.

"Lo scopo e la missione della Rete è costituire un luogo di incontro e di verifica delle istanze provenienti dal territorio e di valorizzare i diversi progetti di collaborazione interistituzionale che le Province, le organizzazioni delle autonomie funzionali e del terzo settore, promuovono per lo sviluppo economico, sociale, culturale del territorio che si affaccia sul bacino jonico>>, dice Cosimo Durante assessore alle Politiche dell'Unione Europea, delegato a rappresentare la Provincia di Lecce nel gruppo di lavoro.

"Questo nuovo soggetto pubblico è da intendersi quale laboratorio e incubatore di un progetto multifase, finalizzato alla nascita di nuove istituzioni di partecipazione, concertazione, pianificazione, programmazione con l'intento di consolidarsi in una "Fondazione" delle Province della Riva Sud. A tal fine si insedierà un apposito Comitato direttivo composto dai presidenti delle 10 province interessate incaricato di allestire una piattaforma per sviluppare l'attività con una organizzazione capillare in grado di corrispondere agli obiettivi sia in termini di studi, ricerche ed eventi, sia di concrete azioni concertate per le politiche comuni a supporto dello sviluppo del sud jonico, sia di sperimentazione di forme e modalità originali di integrazione delle politiche pubbliche>>, conclude Cosimo Durante.

Compiti istituzionali della Rete saranno relativi agli investimenti di infrastrutture e logistica, allo sviluppo economico e produzioni locali, al marketing territoriale integrato, allo sviluppo locale e sostenibilità ambientale, alla ricerca, all'innovazione e al trasferimento tecnologico, alle fonti energetiche convenzionali e alternative, alla promozione del turismo, del patrimonio archeologico, museale, architettonico, paesaggistico, della cultura e dei grandi eventi, ai rapporti con l'Europa e all'utilizzo delle misure comunitarie, alla tutela e valorizzazione del mare Jonio, con specifica attenzione alla istituzione di una rete jonica delle aree marine protette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia: arrivano 250mila euro per la Galatone-Aradeo

LeccePrima è in caricamento