Mercoledì, 16 Giugno 2021
Sport

Il Lecce sprofonda sotto i colpi del Matera. Sconfitta senza attenuanti

Al Via del Mare gli ospiti disputano la gara perfetta e si impongono per 3 a 0 e nel finale colpiscono anche un palo. Padalino torna all'antico ma i suoi sono sempre in ritardo

LECCE - Serata da incubo più che "giornata giallorossa" per il Lecce che cade in casa sotto i colpi del Matera. Risultato perentorio di 0 a 3 grazie ad una gara perfetta degli ospiti al cospetto di una prestazione scialba dei salentini, troppo sottotono rispetto al ritmo che la gara si sapeva avrebbe imposto. 

Primo tempo

C’è Vitofrancesco nel ruolo di laterale difensivo destro, Drudi viene preferito a Cosenza per far coppia con Giosa, Contessa confermato a sinistra. Per il resto Padalino torna all’antico: Arrigoni, Lepore e Mancosu a centrocampo con Torromino, Caturano e Pacilli davanti.

Prima dell’avvio delle ostilità prolungato applauso di tutto il pubblico, compresi i 500 materani al seguito, per Michele Lorusso e Ciro Pezzella, scomparsi tragicamente 33 anni fa. La Curva Nord li ricorda con uno striscione, icone immortali dell’immaginario giallorosso, il capitano Lepore e Caturano esibiscono una maglia. Un minuto di raccoglimento in ricordo delle vittime della squadra brasiliana della Chapecoense, quasi del tutto cancellata dal disastro aereo occorso lunedì scorso, precede il fischio d’inizio.

Al minuto 15 prima occasione per il Lecce: Torromino da posizione defilata ma ravvicinata tira senza sufficiente angolazione e Alastra riesce a deviare in corner. Al 18’ il Matera passa in vantaggio: la retroguardia sbaglia il fuorigioco, Strambelli mette al centro dell’area piccola dove Negro è libero di concludere. Il calciatore salentino non esulta. Al 31’ Torromino, liberato al tiro da una sponda di Caturano conclude oltre la traversa. Al 39’ il Matera sciupa una clamorosa occasione per il raddoppio: Carretta, a tu per tu con Gomis, passa la palla a Negro che però è già in posizione irregolare.

Il secondo goal degli ospiti arriva però al 42’: prima Gomis è provvidenziale su Carretta, ma Giosa di testa non riesce ad allontanare più di tanto e Armellino tira fuori dal cilindro una traiettoria strepitosa sulla quale il portiere del Lecce nulla può.

Secondo tempo

Dentro Tsonev per Arrigoni, così Padalino prova a correggere la rotta. Al 51’tiro di Lepore deviato in corner. Al 58’ il Matera realizza la terza marcatura con Strambelli che riceve pochi metri fuori dall’area e lascia partire un tiro che si infila nel sette. Di Lorenzo si fa male e al 66’ al suo posto entra Meola. Al 68’ il Lecce invoca il rigore per fallo del portiere su Caturano ma l’arbitro lascia correre. A un quarto d’ora dalla fine Louzada sostitusice Carretta mentre Padalino manda in campo Doumbia e Vutov per Torromino e Pacilli, decisamente in fase di involuzione.

Al 79’ il francese si prepara il tiro ma ne viene fuori un mezzo cross basso sul qual nessuno dei compagni riesce ad arrivare. A nove minuti dalla fine Piccinni rileva il capitano Iannini. Sul finale Louzada coglie il palo e dopo tre minuti di recupero Zanonato fischia la fine. Il Matera, che il 13 dicembre deve completare la gara sospesa con la Juve Stabia accorcia le distanze in classifica mentre i campani, vittoriosi con la Virtus Francavilla, agganciano i salentini a quota 32, con il Foggia a 31. In testa, quindi, continua l'ammucchiata.

Il tabellino di Lecce-Matera 0 a 3

LECCE (4-3-3): Gomis; Vitofrancesco, Giosa, Drudi, Contessa; Lepore (cap.), Arrigoni (46’ Tsonev), Mancosu; Pacilli (75' Vutov), Caturano, Torromino (75' Doumbia). Allenatore: Bleve, Chironi, Cosenza, Freddi, Vinetot, Maimone, Fiordilino, Ciancio, Persano. Allenatore: Padalino

MATERA (3-4-1-2): Alastra; Mattera, De Franco, Ingrosso; Di Lorenzo (66’ Meola), Armellino, Iannini (cap.) (81’ Piccinni), Casoli; Strambelli; Carretta (75' Louzada), Negro. A disposizione: Bifulco, D’Egidio, Scognamillo, Infantino, Dellino, Sartore, Gigli. Allenatore: Auteri

Marcatori: 18’ Negro, 42’ Armellino, 58’ Strambelli

Ammoniti: 41’ Drudi, 62’ Pacilli, 68’ Tsonev, 83’ Meola

Spettatori: 7731

Arbitro: Zanonato; assistenti: Zancanaro e Marcolin

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Lecce sprofonda sotto i colpi del Matera. Sconfitta senza attenuanti

LeccePrima è in caricamento