rotate-mobile
Sport

Il Lecce centra il terzo successo di fila: Moscardelli e Salvi affondano il Messina

Con la vittoria contro i siciliani, i giallorossi raggiungono la Juve Stabia a quota 48 punti e sono provvisoriamente terzi. Il vantaggio arriva su rigore al 20' con il bomber, giunto a 12 marcature, ma Spiridonovic trova subito il pari. La rete della vittoria è del mediano

LECCE – Terza vittoria e terzo posto provvisorio per il Lecce di Alberto Bollini che ha superato con pieno merito il Messina e raggiunto la Juve Stabia a quota 48 (con la differenza reti a favore dei salentini). In rete Moscardelli su rigore, nel primo tempo, e Salvi nella ripresa. Il momentaneo pareggio, quando ancora i giallorossi stavano esultando per il vantaggio, è stato di Spiridonovic al termine di uno spunto eccellente dal punto di vista tecnico.

Primo tempo

In un Via del Mare con 4mila spettatori e un costante incoraggiamento della Curva Nord, mister Bollini schiera il Lecce con Embalo sulla destra e Gustavo sulla sinistra; Salvi, Papini e Sacilotto sono i tre di centrocampo. L’avvio di partita è di buona intensità per i giallorossi che, a parte un tiro da fuori al 10’ minuto parato in due tempi da Caglioni, non concedono spazi al Messina. Al 19’ Altobello, in scivolata su Moscardelli, tocca la sfera con la mano e l’arbitro, poco distante, non ha dubbi nel concedere il calcio di rigore che il bomber realizza spiazzando Iuliano.

Ma la gioia per il vantaggio dura poco perché non passa nemmeno un minuto che Spiridonovic pareggia superando Caglioni in uscita dopo aver lasciato sul posto un paio di calciatori del Lecce.  I padroni di casa riprendono subito a macinare gioco e collezionano tre opportunità, sempre con Moscardelli, per ritornare davanti: alla mezzora la conclusione dell’attaccante, che raccoglie una respinta corda dell’estremo messinese, è alta sulla traversa; passano sei minuti e il portiere ospite devia un tiro del goleador giallorosso che sfrutta un velo di Gustavo e infine al minuto 41 il centravanti, servito da Embalo nel cuore dell'area, invece di calciare di prima intenzione, controlla il pallone e poi, disturbato da un difensore, spedisce la sfera fuori misura. Tre gli ammoniti tra i siciliani: Altobello, Rullo e il portiere Iuliano per perdita di tempo.

Secondo tempo

Al rientro dagli spogliatoi Bollini ripresenta lo stesso undici iniziale, invertendo però la posizione degli esterni. Al 50’ Gustavo, servito in velocità da Moscardelli, si coordina e tira addosso a Iuliano. Al 57’ il Lecce torna in vantaggio con un tiro di Salvi: il centrocampista approfitta di una svirgolata di Stefani e infila il portiere siciliano con un perentorio diagonale. Al 61’ il primo cambio per i padroni di casa: esce Salvi, entra Lepore e Mannini avanza sulla linea dei mediani. Al minuto 63’ Spiridonovic dal limite dell’area trova una buona coordinazione ma non lo specchio della porta. Anche Grassadonia avvia la girandola delle sostituzioni con De Paula, al 65’, proprio per l’autore della rete messinese.

IMG_1090-2Al 67’ Embalo danza sulla sfera, elude la marcatura di due avversari, e conclude di poco al lato tra gli applausi convinti del pubblico.  Secondo cambio per il Messina al 76’ con Nigro per Ciciretti, quattro minuti dopo dentro anche Beduschi per Gustavo, ammonito pochi secondi prima per simulazione. All’81' Lepore tenta, senza fortuna, un tiro da fuori area e poi ancora al minuto 83 con una punizione deviata in corner dal portiere. Brividi per il Lecce quando Caglioni, a ridosso del 90' perde il controllo del pallone in presa aerea ma viene salvato da un compagno che allontana. Al minuto 88' l’ultimo cambio per parte: Bortoli per Mancini e Di Chiara per Moscardelli.

Nei cinque minuti di recupero il Lecce protegge bene la propria area di rigore e alla fine va a raccogliere gli applausi del pubblico che ha gradito soprattutto l’intensità di gioco che i giallorossi hanno sempre cercato di imprimere alla gara. Per la squadra di Bollini giusto qualche ora per godersi la vittoria che si torna subito in campo per la ripresa degli allenamenti: domenica prossima c'è la trasferta a Caserta.

Il tabellino di Lecce – Messina 2 a 1

LECCE (4-3-3): Caglioni; Mannini, Diniz, Abruzzese (cap.), Lopez;  Salvi (61’ Lepore), Papini, Sacilotto; Embalo, Moscardelli (88’ Di Chiara), Gustavo (80’ Beduschi). A disposizione: Scuffia, Herrera, Manconi, Miccoli.

MESSINA (4-3-3): Iuliano; Cane, Altobello, Stefani, Rullo; Diamonte, Mancini (88’ Bortoli), Spiridonovic (65’ De Paula); Orlando, Corona (cap.), Ciciretti (76’ Nigro). A disposizione: Berardi,Silvestri, Donnarumma,  Sciliberto.

Arbitro: Rasia di Bassano

Marcatori:  20’ Moscardelli (rig.), 21’ Orlando, 57’ Salvi

Ammoniti: 13’ Altobello, 28’ Rullo , 44’ Iuliano, 79’ Gustavo

Spettatori: 4212 di cui 2229 abbonati e 1984 paganti

Al "Via del Mare" finisce 2 a 1: goal ed emozioni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Lecce centra il terzo successo di fila: Moscardelli e Salvi affondano il Messina

LeccePrima è in caricamento