Sport

A Pagani senza capitan Miccoli, ma il Lecce crede nella prima vittoria

La squadra giallorossa parte per la Campania priva dell'attaccante, di Bogliacino e di Melara. Tornano a disposizione Bencivenga e Parfait. Bellazzini ha recuperato ed agirà a supporto di Beretta nel 3-5-2 studiato da mister Franco Lerda

Mister Lerda dà indicazioni durante la partita con il Foggia.

LECCE – Miccoli, Bogliacino e Melara a riposo. I primi due devono ancora assorbire del tutto i loro infortuni, il terzo ha avuto un attacco influenzale ad inizio settimana e, secondo Lerda, non è in condizioni adeguate per essere convocato per la trasferta di Pagani. E’ questo uno degli esiti della rifinitura di questa mattina al Via del Mare, durante la quale, però, Lerda ha potuto riscontrare la piena disponibilità di Bellazzini e Diniz e il rientro tra i convocati di Bencivenga e Parfait, a lungo fermi per problemi muscolari.

Il Lecce parte alla volta di Pagani con la solita consapevolezza: quella che prima di tutto è necessario sbloccarsi. Lerda proverà a vincere la partita con il suo modulo preferito, il 3-5-2, con Martinez, Sales e Diniz in difesa, Lopez e probabilmente D’Ambrosio sugli esterni, Salvi e Amodio interni di centrocampo e Beretta in attacco sostenuto da Bellazzini. Nel caso quest’ultimo dovesse accusare l’infiammazione che lo ha comunque rallentato in settimana – gli esami strumentali hanno comunque escluso qualsiasi tipo di lesione – è pronto Zigoni.

L’allenatore del Lecce, nella consueta conferenza stampa della vigilia, è parso confortato dal lavoro condotto negli ultimi giorni: dopo una prima settimana utilizzata soprattutto per “scoprire” l’organico e per iniettare dosi massicce di autostima dinanzi al funesto inizio di campionato, ed una seconda nella quale c’è stata la gara di Coppa Italia con il Foggia, il tecnico piemontese ed il suo staff hanno potuto seguire un programma standard senza forzature né interruzioni.

La Paganese non può essere presa sottogamba: non lo può certo fare, del resto, l’ultima in classifica anche perché l’ambiente della città in provincia di Salerno è di quelli che si fanno sentire. La squadra corre tanto perché è giovane, piena di prestiti da squadre di un certo livello (Parma, Livorno, Genoa) e domenica scorsa ha perso nei minuti di recupero contro il Frosinone, secondo in classifica. Ha vinto una sola gara perdendo tutte le altre ma è un avversario che, soprattutto questo Lecce, deve rispettare come il migliore degli avversari. Solo così si può pensare di uscire a testa alta da Pagani, e magari con tre punti in saccoccia.

I convocati da Franco Lerda per Paganese-Lecce

Portieri: Bleve, Perucchini; Difensori: Bencivenga, D’Ambrosio, Diniz, Ferrero, Lopez, Martinez, Nunzella, Sales, Vinetot; Centrocampisti: Amodio, Bellazzini, Papini, Parfait, Sacilotto, Salvi; Attaccanti: Beretta, Doumbia, Ferreira Pinto, Zigoni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Pagani senza capitan Miccoli, ma il Lecce crede nella prima vittoria

LeccePrima è in caricamento