rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Gallipoli Gallipoli

Raccolta differenziata, ancora rifiuti conferiti male. Pugno duro del Comune

A Gallipoli da oggi controlli più serrati e gli operatori ecologici non ritireranno più l’indifferenziato mal conferito lasciando l’apposito avviso di richiamo. Sindaco e assessore all’Ambiente rammentano le norme. Fototrappole sempre in funzione contro l’abbandono

GALLIPOLI - Scatta la tolleranza zero contro i comportamenti poco virtuosi dei quei cittadini che ancora non rispettano le regole sul corretto conferimento dei rifiuti nei cassonetti della raccolta differenziata. Dopo appelli e richiami alla collaborazione da oggi l’amministrazione ha inteso intensificare i controlli e  gli operatori ecologici non ritireranno più l’indifferenziato mal conferito.

Prende così avvio la campagna, annunciata tramite appositi manifesti, sulla corretta raccolta differenziata dei rifiuti nell'ambito di un programma che coinvolge Gallipoli e tutti i comuni dell’Aro 11, attività fortemente caldeggiata dall'assessore all’Ambiente, Rossana Nicoletti.

Le difformità riscontare nel conferimento dei rifiuti stanno aumentano un aumento dei costi di smaltimento in discarica  e di riflesso si rischia di vanificare gli sforzi che l’amministrazione ha fatto per abbassare anche  la Tari per le utenze domestiche e non.

Gli operatori ecologici sono chiamati quindi a controllare ancora di più che vi sia, per la città, un corretto conferimento che non contempla l’utilizzo di buste nere e prevede che la plastica e il non riciclabile siano conferite in buste semitrasparenti e la carta e il vetro direttamente nel mastello.

Inoltre si ribadisce che l’organico deve essere conferito in buste biodegradabili e compostabili. Obiettivo principale è quello di differenziare il più possibile, evitando di mischiare le diverse frazioni.

IMG_7777-18

"Ridurre la percentuale di rifiuto non conforme significa per i cittadini poter risparmiare sulla Tari” chiarisce l’assessore Rossana Nicoletti, “i rifiuti non correttamente conferiti non verranno ritirati e l'utente dovrà provvedere alla corretta ri-selezione. L'eventuale abbandono di rifiuto urbano proveniente dalla propria utenza sul suolo pubblico o nei cestini gettacarte è vietato e sarà sanzionato dagli agenti di polizia locale. A tal proposito, per un maggiore controllo e per assicurare più decoro, su tutto il territorio comunale saranno installate le fototrappole, perché l'igiene urbana viene prima di ogni cosa”.

“È iniziata dunque una capillare campagna d’informazione rivolta ai cittadini e alle attività commerciali, ma nei prossimi giorni continueremo interessando le scuole, i condomini, gli operatori turistici” aggiunge l’assessore comunale, “un'attenzione particolare riponiamo proprio nelle scuole, incentivando progetti educativi sull'ambiente poiché siamo sicuri che i giovani studenti possano innescare un cambiamento sociale positivo. Non sarà sicuramente facile, ma lo sforzo dovrà essere collettivo al fine di ridurre la quantità di rifiuto indifferenziato".

IMG_6666-17

Gli agenti  del comando della polizia locale si affiancherà, in questi giorni, nella campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini per una corretta differenziata. E il Comune rammenta anche il numero verde attivo, ovvero 800 007 850, per il ritiro dei rifiuti ingombranti, elettrici o elettronici e la presenza di un ecocentro (quello di via Pasolini) a disposizione dei cittadini.

“Come preannunciato nelle scorse settimane, da oggi gli operatori ecologici non ritireranno più l’indifferenziato mal conferito” commenta anche il sindaco Stefano Minerva, “i rifiuti devono essere differenziati nel modo giusto, questo vuol dire che ogni cosa ha un esatto smaltimento e serve solo più attenzione. Le regole le sappiamo tutti già da anni, il Comune di Gallipoli non può sobbarcarsi costi di chi conferisce male: per il comportamento sbagliato di pochi devono pagare tutti. Saremo severi, l’indifferenziato non conferito adeguatamente verrà lasciato dove si trova, non sarà dunque ritirato”.

Manifesto-23

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta differenziata, ancora rifiuti conferiti male. Pugno duro del Comune

LeccePrima è in caricamento