Mercoledì, 16 Giugno 2021
Nardò

Cinque randagi ritrovano le loro strade. Ma dopo un giorno ciotole rubate

Per la Asl sedici esemplari posso essere liberati dopo la sterilizzazione. Le volontarie monitorano il reinserimento nel contesto urbano

LECCE – Cinque cani, di taglia media e piccola, dopo essere stati curati e sterilizzati e presi in consegna dal canile Karà di Corigliano d’Otranto, sono stati riportati laddove erano stati accalappiati, nelle strade di Nardò. L’operazione è stata effettuata dagli agenti di polizia locale alla presenza del consigliere comunale con delega al randagismo, Gianluca Fedele.

Nei prossimi giorni, per essere riconoscibili, saranno dotati di collare e medaglietta con la scritta “Comune di Nardò”: dell’operazione se ne occuperanno le volontarie di “Mai più randagio”, che controllano che gli animali riprendano confidenza con i luoghi dai quali erano stati prelevati e che hanno fornito ciotole e cibo. Da segnalare però, che le ciotole sono state rubate nel giro di 24 ore: l’episodio, naturalmente è stato condannato dal consigliere comunale: “C’è sempre qualcuno non perfettamente in linea con la civiltà e le buone abitudini”, ha dichiarato Fedele.

Allo stesso tempo il consigliere ha sottolineato il senso di questa operazione che a Nardò non veniva fatta da diversi anni: “Questa operazione ha una doppia valenza, economica e civile. Da un lato infatti c’è per l’ente un risparmio di diverse migliaia di euro di costi per i canili che possono essere investite su altri fronti, dall’altro c’è un approccio serio e responsabile al fenomeno del randagismo, senza nascondere la polvere sotto al tappeto rappresentata da chi abbandona i cani”. Il Comune ha anche acquistato un lettore per microchip per l’identificazione di un cane o di un gatto smarrito o vagante.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque randagi ritrovano le loro strade. Ma dopo un giorno ciotole rubate

LeccePrima è in caricamento