Lunedì, 14 Giugno 2021
Nardò

Contrasto al randagismo nel territorio neretino: 40 i cani adottati in un anno

Il Comune è proprietario di circa 200 esemplari, dislocati in tre strutture della provincia. Previsto un contributo fino a 500 euro per i primi 12 mesi

NARDÒ – Sono 40 i cani di proprietà del Comune di Nardò adottati dai cittadini nel corso del 2018. Un gesto d’amore per gli animali che giova anche alle casse dell’amministrazione, dal momento che il risparmio annuale stimato è di 30 mila euro.Il Comune deve gestire circa 200 cani e si serve di tre strutture – a Corigliano d’Otranto, Casarano e Melissano – per il loro ricovero.

A Nardò è in vigore un regolamento comunale sul randagismo che, per favorire le adozioni, prevede un contributo per il primo anno fino a 500 euro per l’acquisto di cibo e medicinali (dietro presentazione delle ricevute fiscali). Prima di essere adottati, i cani, secondo la normativa regionale, sono sottoposti a tutti i trattamenti previsti, compresa le sterilizzazione per le femmine e la castrazione per i maschi. È prevista anche l’adozione a distanza: esiste un apposito portale per scegliere il proprio cane.

"È un segnale molto incoraggiante - ha commentato con soddisfazione il consigliere con delega al Randagismo, Gianluca Fedele - perché è la conferma che abbiamo intrapreso la strada giusta a beneficio della popolazione canina, delle famiglie e anche delle nostre tasche. Un risultato che l’amministrazione ha voluto fortemente, facendo un censimento, per la prima volta dopo dieci anni, mettendo in piedi una piattaforma web e stilando un regolamento, e che ha conseguito grazie alla insostituibile collaborazione del mondo del volontariato e al ruolo attivo della nostra polizia locale, guidata dal comandante Cosimo Tarantino. Aggiungo che probabilmente sta cambiando anche la sensibilità dei cittadini verso questo tema delicato".

Sono invece 99 le sanzioni comminate dalle guardie zoofile Agriambiente per sanzionare diverse irregolarità: tra questo l’incauta custodia, omessa dichiarazione all’anagrafe canina, omessa raccolta delle deizioni. Le multe hanno fruttato un totale di 6627 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrasto al randagismo nel territorio neretino: 40 i cani adottati in un anno

LeccePrima è in caricamento