Nardò Litorale

Notano gli agenti e pescatori di frodo si dileguano. Ma lasciano l’amico sub sul fondale

I poliziotti hanno denunciato un individuo trovato con 400 ricci prelevati dall'area protetta di Sant'Isidoro. I suoi due compagni di pesca sono fuggiti

Foto di repertorio

SANT’ISIDORO (Nardò) – Alla vista della polizia della sezione nautica lasciano l’amico sul fondale e si dileguano. Nella mattinata di ieri, gli agenti hanno notato un’imbarcazione, con un motore fuoribordo, e con due individui a bordo, nel porticciolo di Sant’Isidoro: si trovavano lì per dare supporto a un sub, impegnato in un’immersione.

Nell’area marina protetta è vietata la pesca ed anche il transito con imbarcazioni: il personale della squadra nautica si è avvicinata dunque al natante. Ma i due si sono dati alla fuga,  fuga abbandonando il sub, e abbandonando anche la barca su una spiaggia antistante, per poi scappare a bordo di un’autovettura.

L’imbarcazione è stata sequestrata mentre il sub è finito nei guai: per lui una denuncia in stato di libertà. Il pescati, per un totale di 400 ricci di mare, è stato rigettato nelle acque ioniche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notano gli agenti e pescatori di frodo si dileguano. Ma lasciano l’amico sub sul fondale

LeccePrima è in caricamento