Mercoledì, 28 Luglio 2021
Nardò Strada Provinciale Nardò-Copertino

Violento impatto frontale tra due auto: 18enne ricoverato in rianimazione

Un incidente si è verificato intorno alle 19, sulla via che congiunge Nardò a Copertino. Ad avere la peggio, un neopatentato di origini neretine, finito d'urgenza in ospedale, dove è ricoverato in gravi condizioni

Foto di Antonio Quarta (tutti i diritti riservati)

NARDÓ - La pioggia è caduta solo in sporadici punti del tacco, ma l'acqua che si è depositata nelle pozzanghere deve aver contribuito a giocare un pessimo scherzo. Un violento impatto frontale si è verificato poco prima delle 19, nel primo tratto di strada provinciale che congiunge Nardò a Copertino. Ad avere la peggio, un ragazzo di appena 18 anni, neopatentato, Alberto Zacchino, di origini neretine, è rimasto gravemente ferito mentre, all'altezza del primo chilometro dell'arteria stradale, è finito contro una Volkswagen Passat - guidata da Antonio Nestola, un uomo di 51 anni, residente a Copertino - mentre era al volante della propria autovettura, una Toyota Yaris.

Forse per scansare il fango sull'asfalto, il ragazzo ha perso il controllo del veicolo, sbandando brutalmente e schiantandosi contro il mezzo guidato dall'uomo più anziano. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco del comando leccese, per illuminare il tratto, piuttosto buio, anche le ambulanze del 118, i carabinieri della tenenza di Copertino e gli agenti di polizia municipale, per i rilievi utili alla ricostruzione dell'esatta dinamica dell'incidente.

Il 18enne è stato trasportato d'urgenza presso l'ospedale "Vito Fazzi "di Lecce, dove è stato ricoverato nel reparto di Rianimazione in condizioni che destano non poche preoccupazioni nel personale medico. Il secondo conducente coinvolto, invece, è stato accompagnato comunque presso il pronto soccorso del nosocomio di Copertino, ma  sembra non  aver riportato lesioni gravi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violento impatto frontale tra due auto: 18enne ricoverato in rianimazione

LeccePrima è in caricamento