Sabato, 19 Giugno 2021
Attualità

Nemmeno un positivo ogni mille abitanti. Il Salento è bianco di fatto

Il quadro epidemiologico e il carico ospedaliero migliorano ancora a vista d'occhio. Il caso: a Castrignano de' Greci contagi in aumento

LECCE - Sono state quasi 50mila le dosi di vaccino somministrate durante l'ultima settimana in provincia di Lecce. Per l'esattezza: 27.087 prime dosi, 15.356 seconde dosi e 5.830 del Jannsen che è monodose. La copertura, almeno parziale, è giunta al 44 percento della popolazione, indipendentemente dall'età. 

Dai numeri contenuti nel report settimanale di Asl Lecce* nota lo sforzo di "recuperare alla causa" coloro che, appartenenti alle fasce di età più elevata, ancora non si erano vaccinati (per un motivo o per l'altro): per gli over 60 questa settimana le dosi somministrate sono state ancora 13.118 dosi, un decimo circa delle quali agli ultraottantenni. Gli incrementi maggiori hanno però riguardato le classi di età 50/59 e 40/49, quelle attualmente al centro della campagna vaccinale. Per quanto concerne i più giovani, invece, se fino a venerdì scorso erano stati vaccinati in 3.839, oggi il dato risulta di 6.454 ma, intanto, il limite di età si è abbassato da 16 a 12 anni.

Sull'andamento epidemiologico si confermano e si rinforzano i segnali di progressivo e netto indebolimento: su circa 2.500 nuovi casi testati, i risultati positivi al Covid sono stati 168 per una incidenza di 21,2 ogni 100mila abitanti in sette giorni. Attualmente in provincia di Lecce i casi attivi sono 597, pari a 0,7 positivi per mille abitanti). Il quadro generale fornisce ampie rassicurazioni e, nell'attesa di una decisione ministeriale sulla collocazione della Puglia nella fascia di rischio più bassa, la bianca, il Salento può di fatto considerarsi già al traguardo (il che non è, è bene specificarlo, un via libera ad abbassare la guardia).

Del resto sempre incoraggiante la discesa del carico ospedaliero: i pazienti nei reparti Covid sono passati da 90 a 73. Al "Vito Fazzi" in Anestesia e Rianimazione è rimasto un degente, 21 i pazienti in Pneumologia (da 23), 17 in Malattie Infettive (erano 19) mentre si è liberato il reparto di Accettazione e Urgenza al Dea. Anche a Galatina complessiva riduzione: i degenti sono ora 26 (erano 32). Nel corso della settimana i decessi registrati relativi a residenti in provincia sono stati otto.

I comuni con il maggior numero di casi sono Lecce, con 92, Copertino, con 45, Surbo, con 33, Nardò con 31, Castrignano de' Greci con 27 (erano 10 una settimana addietro)  e Galatone con 22. Il centro della Grecìa Salentino è dunque in controtendenza. 

Leggi il Report Asl 11 giugno 2021 

(se utilizzate lo smartphone il download è possibile accedendo a Lecceprima da motore di ricerca e non dall'app).

*Il report di Asl Lecce è a cura di Fabrizio Quarta, direttore dell'Unità operativa complessa di Epidemiologia e Statistica, con la collaborazione di Angela Metallo e l'elaborazione dati di Carlo Indino. Del gruppo di lavoro fanno parte Valeria Gerardi, Ornella Guida e Donato Rollo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nemmeno un positivo ogni mille abitanti. Il Salento è bianco di fatto

LeccePrima è in caricamento