rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca Porto Cesareo

Abuso d’ufficio per il lido “Chiusurelle”: condannati due tecnici comunali

Emessa la sentenza nel processo sui presunti illeciti commessi nello stabilimento balneare, a Torre Lapillo. Prescritti i reati di abusivismo edilizio

PORTO CESAREO - Si è chiuso con due condanne il processo sui presunti illeciti commessi nello stabilimento balneare Chiusurelle village srl, a nord di Torre Lapillo, marina di Porto Cesareo, oggetto di un sequestro nel novembre del 2016.

Due anni e mezzo sono stati inflitti per abuso d’ufficio al dirigente dell’ufficio tecnico del Comune Paolo Stefanelli, e a Tarcisio Basile, funzionario preposto alla Riserva Naturale Palude del Conte, in relazione al rilascio della concessione demaniale.

Caduti invece per intervenuta prescrizione i reati di abusivismo edilizio che avevano chiamato in causa anche Salvatore Manni, il titolare della Chiusurelle, ed Enrico Ampolo, progettista.

La sentenza emessa oggi dal collegio presieduto dal giudice Stefano Sernia ha inoltre riconosciuto il risarcimento del danno (da liquidarsi in separata sede) alla società “concorrente”, parte civile al processo con l’avvocato Donato De Mitri.

Insomma, i giudici penali hanno preso le distanze dalle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato (qui i dettagli della decisione presa proprio qualche giorno fa) che avevano concluso per la piena legittimità della concessione.

Per comprendere le ragioni di tale posizione bisognerà attendere la pubblicazione della sentenza che avverrà entro i prossimi novanta giorni.

La difesa dei tecnici, composta dagli avvocati Pietro e Antonio Quinto e Luigi Corvaglia, ha evidenziato che vi sia un corto circuito (che non è una novità nelle cronache recenti) tra l’accertamento dei fatti contenuto nelle decisioni adottate dai giudici amministrativi e quello a cui è pervenuto il tribunale penale.

Ragione per cui si proporrà appello non appena saranno rese note le motivazioni.

Manni e Ampolo erano difesi dagli avvocati Gabriella Mastrolia, Pierluigi Portaluri e Giulio De Simone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abuso d’ufficio per il lido “Chiusurelle”: condannati due tecnici comunali

LeccePrima è in caricamento