Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Occupa abusivamente la spiaggia libera con ombrelloni e lettini: scatta il blitz

Duecento cinquanta metri quadri di litorale, a Nord di Otranto, indebitamente adibiti a stabilimento balneare: la Guardia Costiera sequestra circa 400 pezzi di attrezzatura e deferisce il titolare della ditta operante nel noleggio

OTRANTO - Duecento cinquanta metri quadri di spiaggia libera occupata abusivamente: uno stabilimento balneare improvvisato, con ombrelloni, lettini, piazzati indebitamente su un tratto di litorale adibito alla fruizione pubblica. Accade questo ad Otranto, in un'area del litorale Nord, dove a seguito di alcuni controlli sulla regolare fruizione del demanio marittimo da parte della Guardia Costiera locale, nella mattinata di oggi, gli uomini dell’Ufficio circondariale idruntino, coordinati dal comandante, Gian Marco Miriello, hanno scoperto un vero e proprio insedi

L'attività investigativa era stata sollecitata da alcune segnalazioni di turisti, che hanno spinto i militari del Nucleo di Polizia giudiziaria ad intervenire: arrivati sul posto, hanno rilevato la presenza di un complesso di lettini ed ombrelloni, indebitamente piazzati sul tratto di spiaggia libera come se fosse un vero e proprio stabilimento balneare.

Il blitz è scattato nelle prime ore del mattino, quando il personale della Guardia Costiera ha riscontrato sul posto che l’intera area, che normalmente sarebbe dovuta essere adibita a spiaggia libera, era in realtà già occupata abusivamente con pali per ombrelloni, lettini, sdraio ed attrezzatura varia da spiaggia pronti per l’eventuale noleggio: il tutto per un totale di circa 250 metri quadrati di arenile.

Il titolare della ditta di noleggio attrezzature ivi operante, deferito alla Procura della Repubblica di Lecce, dovrà rispondere del reato di abusiva occupazione di suolo demaniale. Nell’immediato tutta l’attrezzatura (poco meno di 400 pezzi), sottoposta a sequestro penale, è stata rimossa restituendo alla libera fruizione l’intera area di spiaggia libera.

L’attività condotta, oltre ad essere frutto della valorizzazione delle informazioni assunte preventivamente, rappresenta un ennesimo tassello alle operazioni di verifica su tutto il litorale che il personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto ha iniziato nei mesi scorsi, unitamente alle attività di controllo sulla sicurezza balneare dell’operazione “Mare Sicuro” 2013.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupa abusivamente la spiaggia libera con ombrelloni e lettini: scatta il blitz

LeccePrima è in caricamento