Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Denuncia presunta truffa ma finisce nei guai: per lui il divieto di tornare a Lecce

Un 35enne di Pisa, sottoposto al l’obbligo di non rientrare nel capoluogo salentino, ha raccontato alla polizia di un raggiro da parte di una compagnia telefonica, ma è stato deferito

Gli uffici della questura leccese

LECCE- Si rivolge alla polizia, denunciando di essere incappato in una truffa. Ma a finire nei guai è lui, un cittadino di origini pisane di 35 anni, deferito in stato di libertà dagli agenti della questura leccese.

Tutto è accaduto nelle ultime ore quando l’uomo toscano, sottoposto al divieto di avvicinamento al capoluogo salentino, a causa di precedenti vicende, ha raggiunto il personale di viale Otranto. Il problema? Una compagnia telefonica, della quale era solito servirsi, gli avrebbe improvvisato cambiato la tariffa.

Il tutto senza avvisarlo, e con un raggiro telefonico. Il 35enne ha provato a denunciate l’accaduto ma, essendo lui il trasgressore, poiché non avrebbe dovuto trovarsi a Lecce, è finito nei guai.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denuncia presunta truffa ma finisce nei guai: per lui il divieto di tornare a Lecce

LeccePrima è in caricamento