rotate-mobile
Cronaca Collepasso

Il caldo riaccende l’emergenza: numerosi roghi, uno ha rischiato di distruggere il bosco

Dalla mattinata numerosi interventi del 115. A preoccupare soprattutto un episodio, tra Maglie. Supersano e Collepasso, che ha richiesto il supporto di protezione civile e Dos. Nel pomeriggio l'intervento del Canadair

MAGLIE/COLLEPASSO – Una nuova ondata di caldo “riaccende” anche il fenomeno degli incendi. Numerosi gli interventi in più punti del Salento da parte del 115 nelle ultime 48 ore, che hanno visto il ritorno di temperature estive. A partire dalla mattinata di oggi, infatti, le squadre dei vigili del fuoco sono state costrette a diversi interventi in provincia a causa dei roghi divampati a ridosso di pinete e centri abitati.

A destare maggiore preoccupazione, intorno a mezzogiorno, quello divampato tra Collepasso, Supersano e Maglie. Partito, così sembrerebbe, dalle sterpaglie nei campi, il fuoco si sarebbe propagato con estrema facilità fino ad avvicinarsi pericolosamente alla pregiata area boschiva della zona.

Immediato l’intervento dei pompieri del distaccamento magliese, sopraggiunti assieme ai volontari della protezione civile e ai colleghi del Dos, la Direzione delle operazioni di spegnimento del comando provinciale (coinvolta nei casi complessi la Dos è la stessa chiamata, all'occorrenza, a coordinare i Canadair).

I danni causati dall'incendio

L’intervento si è protratto per tutto il pomeriggio rivelandosi piuttosto complesso. Poco prima delle 18 è stato richiesto l'intervento aereo e su posto è giunto un mezzo Canadair. La Direzione delle operazioni di spegnimento ha coordinare anche le squadre anti-incendio boschivo dei Cento volontari di protezione civile di Lecce.

Altre squadre dei “caschi rossi” si trovano intanto dislocate da nord a sud, per fronteggiare il fuoco. Tra i roghi di media entità – meno gravi ma non per questo meno preoccupanti - anche quelli divampati nella zona di Racale, Ugento e di Ruffano. In questi casi, come in tutti gli altri sparsi sul territorio del Tacco, si tratta principalmente di sterpaglie che non hanno minacciato l’habitat, né arrecato conseguenze ai residenti grazie all'intervento del personale antincendio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caldo riaccende l’emergenza: numerosi roghi, uno ha rischiato di distruggere il bosco

LeccePrima è in caricamento