Incendi nel basso Salento, benzina sulle auto di un commerciante e della moglie

Il rogo, nella notte, alla periferia di Taurisano. Inutilizzabili una Opel Astra e una Opel Agila: sono state date alle fiamme con della benzina

Foto di repertorio

TAURISANO – Si spengono gli incendi, nel basso Salento, ma non i numeri di un fenomeno crescente. L’ennesimo rogo, infatti, ha colpito  altre due autovetture, alla periferia di Taurisano. Nel cuore della notte, una Opel Astra e una Opel Agila sono state completamente distrutte in contrada Sant’Antonio, nelle campagne in direzione di Acquarica del Capo. Qualcuno ha raggiunto il luogo, nascosto tra gli alberi e piuttosto distante dalla strada principale, e ha versato della benzina sulla carrozzeria di entrambi i veicoli. Le vetture sono intestate a un commerciante 41enne del luogo, titolare di una rivendita di elettrodomestici e accessori per la telefonia, ma una delle due è in uso a sua moglie.

I danni sono ingenti:, si parla di decine di migliaia di euro, che non sarebbero neppure coperti da polizza assicurativa. Sul posto sono giunti, per spegnere l’incendio, i vigili del fuoco del distaccamento di Tricase. I pompieri hanno anche allertato gli agenti del commissariato locale per i rilievi. Caschi rossi e poliziotti, questi ultimi coordinati dal vicequestore aggiunto Salvatore Federico, hanno eseguito il sopralluogo per rintracciare indizi. Di certo, almeno al momento, c’è che l’incendio è di natura dolosa. I malviventi hanno infatti appiccato le fiamme in due momenti separati a entrambe le auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto, inoltre, sono state rilevate le tracce di liquido infiammabile, che non hanno lasciato spazio ai dubbi. A parte una sola telecamera installata poco distante, non ve ne sono altre utili alla ricercare degli autori. Nel corso della giornata, intanto, gli agenti ascolteranno i malcapitati, per chiarire chi possa aver agito nei loro confronti e per quale motivo. Al momento, i poliziotti escludono la pista estorsiva e l’ambito professionale come contesto in cui sarebbe lievitata la rabbia dei malviventi. Si pensa, piuttosto, a motivi di natura personale, sui quali ora indagherà il personale del commissariato. Otto giorni addietro, un altro episodio simile è avvenuto sempre a Tauirsano. Nella notte del 28 febbraio, infatti, un rogo ha infatti distrutto la Fiat Panda di una 44enne: il veicolo era parcheggiato in via Dante Alighieri, e le fiamme si sono propagate anche ad altri mezzi vicini, lasciati in sosta sulla stessa via.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento