Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Inchiesta Antiracket Salento, la Corte dei Conti dissequestra i beni degli imputati

Per il giudice non ci è stato alcun danno erariale da parte di alcune delle persone coinvolte nell'inchiesta sulla gestione degli sportelli. Dissequestrati beni per 160mila euro

LECCE – La Corte dei Conti ha revocato il sequestro conservativo sui beni mobili e su tutti i rapporti, anche di conto corrente, a carico di Attilio Monosi, Paolo Rollo, Maurizio Vetere, Vincenzo Specchia e Salvatore Laudisa, disposto nell’ambito della vicenda giudiziaria legata alla realizzazione e al funzionamento dei tre sportelli dell’Associazione antiracket nel Salento.

Il sequestro era stato disposto il 5 aprile scorso, sul presupposto che il comportamento dei funzionari e degli amministratori aveva causato un maggior esborso economico per il Comune di Lecce di 160mila euro nella realizzazione degli interventi sull’immobile che ospita lo sportello antiracket a Lecce. Un importo che la Procura aveva sequestrato tra beni e rapporti di conto corrente alle persone coinvolte nell’inchiesta.

Il giudice delegato, Vittorio Raeli, accogliendo le tesi difensive dell’avvocato Luigi Quinto nell’interesse di Monosi, Rollo e Vetere, dell’avvocato Troso per Laudisa e dell’avvocato Giovanni Pellegrino per Specchia, ha riconosciuto l’insussistenza del danno in merito alla indebita duplicazione di pagamenti effettuati in favore dell’impresa Saracino per i lavori effettuati per la realizzazione degli sportelli, poiché l’importo contestato era stato restituito dall’impresa in data 20 luglio 2016.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Antiracket Salento, la Corte dei Conti dissequestra i beni degli imputati

LeccePrima è in caricamento