rotate-mobile
Cronaca Tricase

Inchiesta su appalto parcheggi a Tricase, Procura dispone nuovo sequestro

La guardia di finanza ha provveduto questa mattina, su disposizione del pubblico ministero Emilio Arnesano, al sequestro preventivo

LECCE – Nuovo capitolo nell’infinita vicenda giudiziaria legata alla gestione dei parcometri a Tricase. La guardia di finanza (delegata anche per le indagini e le acquisizioni) ha provveduto questa mattina, su disposizione del pubblico ministero Emilio Arnesano, al sequestro dei dispositivi (una ventina circa, in base all’appalto aggiudicato alla Gestam nel 2014).

Si tratta di un sequestro preventivo, dopo quello probatorio eseguito il 3 maggio scorso e poi annullato dal Tribunale del riesame una decina di giorni dopo, accogliendo l’istanza degli avvocati Luigi Covella e Massimiliano Musio. Il nuovo sequestro si colloca nell’inchiesta condotta dalla Procura di Lecce, che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati di tre persone con le ipotesi di turbativa d’asta e falso.

Se da un punto di vista penale la vicenda è tutt’altro che conclusa, dal punto di vista amministrativo la Gestam ha ottenuto il pieno riconoscimento dell’assoluta correttezza del proprio operato, ottenendo i verdetti favorevoli del Tar di Lecce prima e del Consiglio di Stato poi, con l’ultima sentenza che risale a marzo. Nell’occasione, infatti, è stato respinto il ricorso della cooperativa sociale Apulia, seconda classificata, che aveva sostenuto la tesi che vi fossero alcune palesi irregolarità nell’aggiudicazione del bando.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta su appalto parcheggi a Tricase, Procura dispone nuovo sequestro

LeccePrima è in caricamento