Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

La solita tecnica del bicchiere d'acqua e saccheggiano casa di coppia di anziani

Il furto denunciato è addirittura di 50mila euro, somma che l'anziana coppia aveva accumulato in anni. Tre giovani si sono presentate alla porta, chiedendo che una di loro, incinta, fosse dissetata. Poi, la caccia al denaro

 

CARMIANO – Una coppia di anziani di Magliano, frazione di Carmiano, è stata derubata di ben 50mila euro, soldi messi da parte negli anni, da tre giovani donne, che si sono presentate alla porta con il più classico degli espedienti: chiedere giusto un po’ d’acqua.

I due non devono aver avuto sospetti, eppure, tecniche simili, non sono infrequenti. Basti pensare a quanto avvenuto a Lecce il 18 maggio scorso, quando due finti muratori chiesero ad un anziano di essere dissetati e, una volta aperta la porta, lo legarono e rapinarono.

Questa volta, non è stata usata alcuna violenza, ma il colpo al cuore infero alla povera coppia di anziani deve essere stato immenso. Farsi aprire la porta sembra che sia stato piuttosto semplice. Giacché era il primo pomeriggio e una di loro s’è detta incinta, la coppia maglianese  pare non abbia avuto esitazioni.

E così, la ragazza in stato interessante (o che si presume tale), è stata accolta in casa e in cucina ha potuto sorseggiare il suo bel bicchiere. Tutto questo, mentre, proprio in quegli istanti, evidentemente una delle complici si intrufolava negli ambienti, andando verso la stanza da letto e scovando da un cassetto la somma, ingente oltre ogni prospettiva, pure per astute ladre come loro.

Solo quando le tre giovani sono andate vie (fuggite chissà dove), gli anziani si sono accorti di quanto avvenuto. Ed è stata sporta denuncia. Occhio, dunque, agli sconociuti che con le scuse più banali si presentano davanti casa. Non si sa mai chi si cela dietro la porta e anche le facce d'angelo possono essere di bronzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La solita tecnica del bicchiere d'acqua e saccheggiano casa di coppia di anziani

LeccePrima è in caricamento