Cronaca

"Operazione Valle della Cupa": si costituisce uno dei tre ricercati

Fabrizio Bernardini, 52enne, in tarda serata s'è messo in contatto con il comandante della stazione dei carabinieri, che l'ha convinto a consegnarsi agli investigatori. S'è recato in caserma ed è stato condotto a Borgo San Nicola

Un momento della conferenza di ieri (foto di Antonio Quarta).

 

 

MONTERONI DI LECCE – Scendono a due gli irreperibili, nell’ambito dell’operazione “Valle della Cupa”, che ha condotto all’arresto di trentaquattro persone, su ordine del gip del tribunale di Lecce, con richiesta avviata dalla Direzione distrettuale antimafia della procura leccese, ritenute responsabili di aver messo in piedi un’associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti.

Nella tarda serata di ieri, infatti, s’è consegnato nelle mani dei carabinieri anche Fabrizio Bernardini, 52enne di Monteroni, che all’alba non era stato trovato in casa, al momento del blitz dei carabinieri del comando provinciale di Lecce. L’arresto di Bernardini è stato materialmente eseguito dai militari della compagnia di Tricase (coloro i quali hanno avviato l’inchiesta, che ha poi condotto verso Monteroni), in collaborazione con i colleghi della stazione di Monteroni.

BERNARDINI Fabrizio-2Bernardini, come altri due ancora a piede libero, era ricercato senza sosta per l’intera giornata, fino a quando, forse ormai convinto che non si sarebbe potuto nascondere a lungo, non si è messo in contatto con il comandante della stazione dei carabinieri di Monteroni di Lecce il quale, l’ha convinto a consegnarsi agli investigatori.

Nella tarda serata di ieri Bernardini ha dunque deciso di costituirsi presso la stazione dell’Arma, dov’è giunto anche il personale della compagnia di Tricase per il compimento degli atti, prima di accompagnarlo presso la casa circondariale di Borgo San Nicola, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Operazione Valle della Cupa": si costituisce uno dei tre ricercati

LeccePrima è in caricamento